Annunciata gara forniture materiali per due impianti fotovoltaici

Annunciata gara forniture materiali per due impianti fotovoltaici

La società tanzaniana specializzata nella realizzazione di mini-grid basate sulle rinnovabili Jumeme ha pubblicato un bando di gara per la fornitura di materiali necessari alla costruzione di due impianti fotovoltaici nel Paese.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

Firmato accordo per costruzione nuovo gasdotto

Firmato accordo per costruzione nuovo gasdotto

Tanzania e Uganda hanno firmato un accordo per la costruzione di un nuovo gasdotto che collegherà i due paesi.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

ZANZIBAR TOURISM SHOW 2018

ZANZIBAR TOURISM SHOW 2018

ZANZIBAR TOURISM SHOW 2018

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia Dar es Salaam Tanzania

Allo studio gasdotto tra Tanzania e Uganda

Allo studio gasdotto tra Tanzania e Uganda

L’azienda petrolifera statale tanzaniana, la Tanzania Petroleum Development Corporation, ha reso nota l’intenzione di voler costruire un gasdotto per trasportare gas naturale verso l'Uganda per rafforzare la cooperazione nel settore energetico.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

Un prestito da AfDB per estendere linea distribuzione elettrica

Un prestito da AfDB per estendere linea distribuzione elettrica

La Banca Africana di Sviluppo (AfDB) ha approvato un nuovo finanziamento al governo della Tanzania per estendere la propria linea di distribuzione dell’energia elettrica nel paese.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

Governo annuncia: “energia in tutte le isole grazie alle rinnovabili”

Governo annuncia: “energia in tutte le isole grazie alle rinnovabili”

Il governo della Tanzania, attraverso il ministero dell'energia, ha elaborato una strategia che consentirà l'elettrificazione di tutte le isole del paese attraverso l'energia rinnovabile.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

Homepage TANZANIA

I rapporti con l'Italia sono sempre stati ottimi anche se discontinui e fortemente caratterizzati dagli aspetti di cooperazione e commerciali.  Fino agli anni ottanta l'Italia era un partner rilevante per la cpooperazione bilaterale, sostenuta anche da una folta presenza commerciale (Astaldi, Agip, Salini Impregilo, Saipem). L'Italia ha aiutato il paese nel processo di cancellazione del debito estero negli anni novanta. Negli ultimi anni, in corrispondenza con la crescita dell'interesse dell'Italia per l'Africa subsahariana, sono aumentate le occasioni di incontro: Il Vice Ministro degli esteri Giro ha visitato Dar es Salaam nel marzo 2016, seguito dalla visita a Roma del Ministro degli esteri Mahiga (maggio 2016) e della sua Vice Susan Kolimba (maggio 2017).

Il governo del presidente Magufuli (in carica dal novembre 2015) ha posto più volte l’accento sulla necessità per il Paese di diversificare i propri partner commerciali e di aprirsi a nuovi investitori, per favorire l'industrializzazione e lo sviluppo economico della Tanzania (vedi bilancio 2018-19).

Nei vari progetti si segnalano l'espansione della rete stradale, il rinnovamento delle ferrovie, che risalgono all'epoca coloniale, l'espansione del porto di Dar es Salaam e la creazione di un nuovo porto a Bagamoyo, l'elettrificazione delle zone rurali, anche con l'impiego di tecnologia rinnovabile, l'incoraggiamento al turismo internazionale, l'enfasi sulla formazione tecnica e professionale, tutte aree in cui le aziende italiane potrebbero dare un forte contributo.

L’interscambio Italia – Tanzania ha visto un calo nel corso del 2016 e una parziale ripresa nel 2017. Per l'anno passato i dati dell'ISTAT mostrano un aumento delle esportazioni tanzane e una discesa di quelle italiane, causata dalle politiche ristrettive che il nuovo presidente Magafuli ha messo in campo in materia di evasione fiscale e corruzione e che hanno rallentato gli investimenti produttivi.

Le nostre esportazioni sono state pari a 70,4 milioni di euro (erano 91,2 milioni nel 2015 e 78,5 nel 2016), mentre le importazioni hanno raggiunto i 41,6 milioni di euro (39,3 milioni nel 2015 e 38,4 milioni nel 2016). Le esportazioni italiane verso la Tanzania sono tradizionalmente costituite da prodotti meccanici e metallurgici. La Tanzania esporta prodotti agricoli (caffé, té, cacao) e ittici. Gli investimenti italiani si concentrano per la maggior parte in campo turistico-alberghiero, in particolare con gli insediamenti di villaggi vacanze sull'isola di Zanzibar.


Perché TANZANIA

Stabilità politica e alto potenziale di crescita.
Posizione geografica strategica
Ricchezza di risorse naturali.
Investimenti e agevolazioni
Importanza del Paese per l'Italia
In dettaglio

Dove investire

  • Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura
  • Flussi turistici
  • Macchinari e apparecchiature
  • Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)
  • Prodotti delle altre industrie manufatturiere
In dettaglio

Cosa vendere

  • Costruzioni
  • Mobili
  • Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)
  • Servizi di informazione e comunicazione
  • Macchinari e apparecchiature
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
Nessuna attività promozionale programmata

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché TANZANIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in TANZANIA

AMBASCIATA DAR-ES-SALAAM