Il Kirghizistan collaborera' con la World Bank per migliorare i servizi di fornitura e trattamento dell'acqua a oltre 100.000 persone

Il Kirghizistan collaborera' con la World Bank per migliorare i servizi di fornitura e trattamento dell'acqua a oltre 100.000 persone

Accordati due finanziamenti per un totale di 59,5 milioni di dollari.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

EDB investe nell'energia idroelettrica

EDB investe nell'energia idroelettrica

Accordato un finanziamento per un valore complessivo di 138 milioni di dollari.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

BERS investe nell'aeroporto della capitale

BERS investe nell'aeroporto della capitale

Concesso un prestito di 4,7 milioni di dollari per la modernizzazione della struttura

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Gazprom investe 100 miliardi di rubli nella rete distributiva di gas

Gazprom investe 100 miliardi di rubli nella rete distributiva di gas

Gazprom si prepara a realizzare investimenti strategici nella rete distributiva energetica del Kirghizistan.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Kirghizistan - nuovo Country Report del Fondo Monetario Internazionale

Kirghizistan - nuovo Country Report del Fondo Monetario Internazionale

Pubblicato il review No. 17/143 del Fondo Monetario Internazionale per il programma triennale di credit facility.

 

Notizia segnalata da: Ambasciata d'Italia

Homepage KIRGHIZISTAN

Paese fondatore della CSI (Comunità Stati Indipendenti), il Kyrgyzstan ha poi partecipato a tutti i processi di integrazione regionale promossi dalla Russia, aderendo infine all’Unione Economica Euroasiatica nel 2015. E’ stato il primo Paese centroasiatico ad aderire al WTO (1998).

Il Paese intrattien e relazioni positive con Organizzazioni ed Istituzioni finanziarie internazionali, da cui riceve importanti finanziamenti. Il bilancio statale conta sul contributo da parte di Fondo Monetario Internazionale, Banca mondiale e Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo.

Gran parte dell’interscambio avviene con Russia, Cina e Kazakhstan. La principale ricchezza è costituita dalle miniere aurifere, per il resto il Paese punta sul tessile (settore trainante in epoca sovietica)  e sull’agro-industria. Con ingenti risorse minerarie ( oro e carbone principalmente) e idriche, una posizione strategica che pone il Paese al centro della regione asiatica e dei progetti di collegamento terrestre tra Cina e Europa lungo la nuova “via della seta”, una società civile vivace e un sistema politico che, pur tra molte difficoltà (elevatissima corruzione, tensioni inter-etniche, debolezza della pubblica amministrazione), dichiara di voler perseguire il modello della democrazia parlamentare, il Paese ha potenzialità per sviluppare la propria economia e la rete infrastrutturale, offrendo in futuro maggiori opportunità per gli operatori stranieri.

I rapporti diplomatici tra l’Italia e la Repubblica Kirghisa furono formalizzati il 24 marzo del 1992. L’interscambio commerciale italiano con il Paese è molto limitato e l’Italia non figura tra i primi dieci partner commerciali del Kyrgyzstan. Nel 2016 l’export italiano è ammontato a 21 milioni di euro, con un aumento del 7,2% rispetto all’anno precedente.

Gli investimenti italiani nel Paese sono quasi inesistenti date anche le criticità del business climate locale. Tuttavia vi sono stati negli ultimi anni varie riforme legislative volte a creare un clima più favorevole agli investimenti; la Banca Mondiale stessa ha riconosciuto i progressi fatti, ponendo il paese al 75° posto nel proprio rapporto 2017 “Doing Business”, in progressiva crescita rispetto al 99esimo del 2014. La legge riconosce agli investitori esteri lo stesso status legale di quelli nazionali e la possibilità pertanto di acquistare azioni di imprese kirghise, partecipare a programmi di privatizzazione, rimpatriare i capitali ed esportare i profitti, oltre a prevedere l’aliquota IVA più bassa dell’intera unione Euroasiatica.

I rapporti tra l’Italia e il Kyrgyzstan scontano la distanza e il limitato interesse italiano per un mercato circoscritto in termini numerici e difficile da penetrare. Negli anni recenti vi sono stati tuttavia segnali di rinnovata attenzione: il 14 febbraio 2013 e stato firmato a Bishkek un accordo sulla Cooperazione culturale, scientifica e tecnologica, nel 2015 quello sull’esenzione del visto dai passaporti diplomatici e sono ora in negoziazione quello sulla protezione degli investimenti ed un Memorandum di collaborazione tra Ministeri degli Interni.


Perché KIRGHIZISTAN

Ampio coinvolgimento delle Istituzioni finanziarie internazionali
Ingenti risorse minerarie (oro e carbone)
Apertura al mercato e adesione all'Unione Economica Euroasiatica
Posizione strategica nella "nuova Via della Seta"
In dettaglio

Dove investire

  • Prodotti delle miniere e delle cave
  • Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura
  • Flussi turistici
In dettaglio

Cosa vendere

  • Macchinari e apparecchiature
  • Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura
  • Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia)
  • Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili
  • Mobili
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
Nessuna attività promozionale programmata

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché KIRGHIZISTAN Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia