Più spazio a navi tunisine nel porto di Genova

Più spazio a navi tunisine nel porto di Genova

E’ venuta nel Porto di Genova per inaugurare nuovi spazi attrezzati che saranno utilizzati dalle navi con destinazione Tunisia, la delegazione di parlamentari tunisini giunta i giorni scorsi nello scalo ligure.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

Ad Ottobre una fiera dell’economia del mare e del Made in Italy

Ad Ottobre una fiera dell’economia del mare e del Made in Italy

Esportare il modello Yacht Med Festival di Gaeta in Tunisia, con la realizzazione di una Fiera dell’Economia del Mare e del Made ln Italy: con questo obiettivo nasce lo Yacht Med Festival Blue Tunisia.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

Università di Palermo stringe accordo di cooperazione

Università di Palermo stringe accordo di cooperazione

Riguarda un ciclo di scambi internazionali per studenti, docenti e personale l’accordo di cooperazione siglato dall’Università degli Studi di Palermo con l’Ufficio delle Opere universitarie della Tunisia del Nord.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

Inaugurato porto turistico di Bizerte

Inaugurato porto turistico di Bizerte

Ha la capacità di offrire ormeggio a 300 imbarcazioni lunghe fino a 30 metri e a 50 yachts lunghi tra 40 e 110 metri: esteso su una superficie totale di 35 ettari, il porto turistico di Bizerte è uno dei dei più grandi in tutto il Mediterraneo.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

Gruppo siderurgico italiano interessato a società tunisina

Gruppo siderurgico italiano interessato a società tunisina

Il gruppo siderurgico italiano Alfa Acciai ha reso noto il proprio interesse ad acquisire una partecipazione del 49% nel capitale della società statale tunisina El Fouladh.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

Primo ministro Essid invita l’Italia a investire

Primo ministro Essid invita l’Italia a investire

“Gli investitori italiani stanno rispondendo positivamente al processo di transizione democratica in Tunisia, favorendone il successo”.

 

Notizia segnalata da: InfoAfrica www.infoafrica.it

Homepage TUNISIA

La Tunisia ha sempre presentato caratteristiche ideali per gli investitori italiani, grazie alla vicinanza geografica, ad una normativa particolarmente favorevole in materia di incentivi ed al basso costo dei fattori di produzione. La Tunisia rappresenta un ponte per l’Italia sul Mediterraneo, una piattaforma produttiva naturale per le imprese italiane impegnate a diversificare le proprie attività e a penetrare nuovi mercati (soprattutto in Nord Africa, Golfo e Africa francofona).

L'Italia è il secondo partner commerciale della Tunisia con un saldo commerciale in attivo. Siamo il secondo cliente e il secondo fornitore della Tunisia, con un interscambio bilaterale nel 2015 pari a circa 5 miliardi di euro. Storicamente, l’Italia è anche il secondo investitore in Tunisia (con una quota di mercato pari al 16%).

In Tunisia, la presenza delle aziende italiane è forte e ben radicata. Nonostante le difficoltà di questi ultimi anni, esse hanno mantenuto le loro posizioni, spesso incrementandole. Secondo le statistiche delle competenti Agenzie nazionali (API e FIPA), risultano attive nel Paese oltre 800 imprese (la maggior parte delle quali sono società totalmente esportatrici, off-shore). Le imprese italiane installate in Tunisia (miste, a partecipazione italiana o a capitale esclusivamente italiano) impiegano oltre 60mila persone e rappresentano quasi un terzo del totale delle imprese a partecipazione straniera. La maggior parte di esse è concentrata nella Grande Tunisi e nelle regioni costiere. Tuttavia, grazie ad una manodopera qualificata presente sull’intero territorio, le imprese italiane si stanno situando sempre più nelle regioni interne.
Esiste un elevato grado di integrazione tra le imprese italiane presenti in Tunisia. Sono intensi anche i rapporti consortili con il tessuto industriale locale, alla pari di un’apprezzata specializzazione settoriale dei giovani quadri tunisini che forniscono un apporto sostanziale allo sviluppo delle aziende italiane in Tunisia.

Una serie di riforme strutturali in campo economico, come ad esempio la modernizzazione delle dogane (riduzione dei dazi doganali; eliminazione dei diritti di consumazione su molti beni; dematerializzazione delle procedure) e un nuovo codice degli investimenti, sono in cantiere per ristabilire un clima d'affari più efficiente, ispirato a sani criteri di concorrenza, per ripristinare la fiducia degli investitori. Una legge sul partenariato pubblico-privato è stata approvata a fine 2015. Una normativa di dettaglio è attesa sulle energie rinnovabili per permettere l’accesso di operatori privati nel settore. E' stato ultimato un ambizioso Piano strategico di sviluppo quinquennale 2016-2020, ispirato a principi di crescita inclusiva e sviluppo sostenibile, che prevedrà, tra le altre cose, una serie di progetti infrastrutturali e d’investimento, pubblici e privati, considerati prioritari per lo sviluppo del Paese e la riduzione della disoccupazione.

L’Italia è presente nel settore manifatturiero, costruzioni e grandi opere, componentistica automotive, bancario, trasporti, meccanico, elettrico, agro-alimentare, farmaceutico. Significativa anche la rilevanza del settore energetico, in quanto in Tunisia passa il gasdotto TTPC che collega Italia e Algeria. Aziende italiane si sono aggiudicate importanti commesse per Grandi Lavori nelle infrastrutture (autostrade, rete ferroviaria veloce, centrali elettriche e altro). Il settore merceologico con maggiore presenza di imprese italiane resta quello del tessile/abbigliamento,con la presenza sia di piccole e medie imprese che di noti gruppi industriali.

La Tunisia continua a rappresentare per il nostro Paese una perdurante priorità, circostanza ribadita nel corso delle ricorrenti visite politiche succedutesi dalla Rivoluzione ad oggi. Analogamente, è chiara alle Autorità tunisine l’esigenza di rassicurare gli imprenditori stranieri sul miglioramento del clima d’affari nella nuova Tunisia e, per quanto riguarda le imprese italiane, sulle opportunità di investimento e partenariato che verranno offerte al nostro Sistema-Paese. il ripristino e la tenuta di condizioni di sicurezza adeguate sono le premesse necessarie per garantire la continuità e il consolidamento di una presenza economica straniera significativa, nonché l’entrata di potenziali nuovi investitori nel Paese.


Perché TUNISIA

Vicinanza all'Italia
Normativa favorevole agli investimenti.
Costo competitivo dei fattori di produzione e della mano d'opera
Accesso libero al mercato dell'Unione Europea
Facile approccio ai mercati contigui
In dettaglio

Dove investire

  • Prodotti tessili
  • Prodotti delle miniere e delle cave
  • Trasporto e magazzinaggio
  • Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura
  • Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)
In dettaglio

Cosa vendere

  • Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche
  • Prodotti delle altre industrie manufatturiere
  • Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)
  • Prodotti tessili
  • Prodotti dell'agricoltura, pesca e silvicoltura
In dettaglio

Opportunità d'affari

Logo Extender

Prossime attività promozionali

Inizio EventoFine EventoLuogo Ente promotoreAttività promozionale
Nessuna attività promozionale programmata

Tutte le attività promozionali
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché TUNISIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia