Overview (REP.CECA)

Nei rapporti bilaterali l'Italia gode da sempre di una notevole considerazione sul piano turistico, culturale, economico e commerciale. L‘interscambio tra la Repubblica Ceca e l'Italia è stato nel 2018  di 13,1 miliardi di euro con una crescita del 3,3%  rispetto all’anno precedente. Le importazioni dall’Italia in Rep Ceca sono aumentate fino ad arrivare ai 6,4 mld, guadagnando +6,4%  rispetto all’anno precedente. Invece il trend delle esportazioni Ceche verso l’Italia subisce un rallentamento con 6,6 mld di euro, guadagnando solamente + 1,0% rispetto al 2017. Dunque, il saldo commerciale a favore della Repubblica Ceca è diminuito a soli 154 milioni di euro, avvicinandosi alla parità. Pertanto l’Italia consolida la sua sesta posizione (dopo Germania, Cina, Polonia, Slovacchia e Francia) nella classifica dei rapporti che il Paese ha con i principali paesi partner. Il settore industriale continua a trainare le relazioni commerciali fra i due paesi. Il 2018, infatti, ha visto un forte incremento delle esportazioni di macchinari e tecnologie italiane in Repubblica Ceca. Sul versante delle esportazioni ceche verso Italia, invece, l’aumento delle vendite di macchinari e tecnologie verso l‘Italia  è stato bilanciato da un sensibile calo  delle esportazioni di automobili.

La Repubblica Ceca è il 16mo mercato di destinazione per l’export Italiano. Le voci principali delle esportazioni italiane sono macchinari e apparecchiature meccaniche, parti ed accessori per autoveicoli, apparecchi e materiale elettrico. Le voci principali delle nostre importazioni sono autoveicoli, macchinari, apparecchiature elettriche.

In merito alle opportunità di sviluppo, la Repubblica Ceca offre interessanti prospettive per gli investitori stranieri. Fattori favorevoli per gli Investimenti Diretti Esteri sono infatti la posizione geografica strategica in Europa centro-orientale,  manodopera qualificata e figure altamente specializzate a costi inferiori alla media europea (anche se in aumento), quadro buono delle infrastrutture, facilità di accesso al credito, una politica degli incentivi perfettibile ma efficacie e infine una fiscalità favorevole per investimenti di grosse dimensioni.  Nel 2017 gran parte degli investimenti diretti esteri si è indirizzata verso il settore manifatturiero (29,2%), seguito da quello finanziario e assicurativo (28,8%) e dall’ immobiliare (9,4%).

Per quanto riguarda la presenza italiana in Repubblica Ceca, sono più di 3000 le imprese italiane attive sul territorio, fra le quali Assicurazioni Generali, Autogrill, Beghelli, Brembo, Mapei, UniCredit e Ferrero. Nel Paese è inoltre presente una attiva e ben organizzata Camera di Commercio italo-ceca. Per quanto concerne gli investimenti nelle infrastrutture, si segnalano le condizioni particolarmente impegnative per la partecipazione a gare pubbliche, specialmente per le imprese straniere. Complessi e spesso non immediatamente diretti i procedimenti di assegnazione degli appalti. Altro problema incontrato dagli operatori italiani sul mercato ceco è quello della progressiva carenza di manodopera, che viene spesso ovviata attraverso il ricorso a personale straniero.

 

Ultimo aggiornamento: 14/05/2019^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché REP.CECA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in REP.CECA

AMBASCIATA PRAGA