Overview (PAESI BASSI)

L’Italia è stabilmente inserita fra i primi dieci partner commerciali dei Paesi Bassi, essendo stata nel 2018 il sesto mercato di destinazione delle esportazioni olandesi ed il nono mercato di provenienza delle importazioni.

Nel 2018, secondo l’istituto di statistica olandese, l’interscambio di beni tra i due Paesi è stato pari a 31,02 miliardi di euro, di cui 20,23 miliardi di importazioni dai Paesi Bassi (+7% rispetto al 2017) e 10,78 miliardi di esportazioni italiane (+10%), con un incremento dell’interscambio complessivo del 7,6% rispetto al 2017.

Riguardo i principali comparti merceologici dell’interscambio bilaterale, l’Italia ha esportato verso i Paesi Bassi principalmente: prodotti farmaceutici e medicinali (872 milioni, un notevole incremento del +29,7% rispetto al 2017), petrolio grezzo e prodotti petroliferi (858 milioni di euro, +15,6%), macchinari diversi (842 milioni di euro, +2,9%), apparecchi elettrici (541 milioni, +20,6%), articoli di abbigliamento ed accessori(514 milioni di euro, -0,9%), autoveicoli (425 milioni di euro, +9,8%), ferro ed acciaio (424 milioni, +16,8%), manifatture diverse (405 milioni di euro, +6,8%), macchinari specializzati (341 milioni, +3,5%), articoli di metallo (336 milioni, +6,9%).

L’Italia ha importato soprattutto: medicinali e prodotti farmaceutici (1.375 milioni, +21,8%), apparecchiatura elettrica (1.227 milioni, +12,4%), computer e unità periferiche (1.128 milioni, -2,9%), apparecchiature per le telecomunicazioni (1.095 milioni, -13,4%), autoveicoli (1.074 milioni di euro, +43,2%), materie plastiche in forme primarie (1.069 milioni, +7,9%).

I Paesi Bassi sono tra i principali attori mondiali nel settore degli investimenti diretti esteri (IDE). Le statistiche dell’ultimo World Investment Report (WIR) dell’UNCTAD, pubblicato a giugno 2018, collocano i Paesi Bassi al sesto posto al mondo per flussi di IDE in entrata ed al diciasettesimo per flussi di IDE in uscita nel 2017. Si tratta, per le rispettive categorie, di una salita di una posizione e di una drastica caduta di 14 posizioni rispetto all’anno precedente. L’ammontare dei flussi di IDE in entrata è diminuito rispetto all’anno precedente (-27,8 miliardi di dollari, -32,4%), così come quello in uscita (-148,7 miliardi di dollari, -86,4%). Il rapporto indica per i Paesi Bassi uno stock di IDE mondiali in entrata di 974,7 miliardi di dollari, pari al 3,1% del totale, e di IDE in uscita per circa 1.604,9 miliardi di dollari, pari al 5% del totale mondiale.

Gli ultimi dati disponibili della Banca Centrale Olandese DNB (marzo 2019) indicano che anche nel 2017 gli Stati Uniti d’America si confermano i principali investitori stranieri nei Paesi Bassi con una somma di 796.632 milioni di euro, pari al 19,1% del totale. Seguono il Lussemburgo con 582.274 milioni di Euro, pari al 14,0% del totale, Regno Unito 399.968 milioni (9,6%) e Svizzera con 243.720 milioni di Euro, pari al 5,8% del totale.

Per quanto concerne i destinatari degli investimenti olandesi nel 2017, DNB indica come i principali Paesi Stati Uniti con 765.151 milioni di euro (il 14,9 del totale), Regno Unito con 543.898 milioni di euro (il 10,6% del totale) e Svizzera con 410.527 milioni di euro (l’8,0%). del totale degli IDE in uscita. L’Italia si colloca al 12mo posto per gli IDE in entrata, con 73.474 milioni di Euro pari al 1,8% del totale, ed al 9o posto per gli IDE in uscita, con 145.139 milioni di Euro, pari al 2,8% del totale.

Ultimo aggiornamento: 28/03/2019^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché PAESI BASSI Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in PAESI BASSI