Disponibilità materie prime (KUWAIT)

Logo Viaggiare Sicuri
Materia PrimaUnità2012201320142015201620172018
Gas miliardi standard di metri cubi 0.00 0.00 0.00
Petrolio miliardi di barili 0.00 0.00 0.00

^Top^

Osservazioni

Fonte primaria della ricchezza dell'emirato è l'esportazione di greggio, grazie ad una capacità produttiva di circa a 3,1 milioni di barili al giorno, con previsioni di incremento fino a 4 milioni nel 2020 e di mantenere tale livello fino al 2030. Si tratta di un obiettivo ambizioso, ma che richiede lo sviluppo di campi complessi vicino al confine settentrionale del Kuwait.
Le riserve petrolifere, stimate in 104 miliardi di barili, sono pari al 6% di quelle mondiali, posizionando il Kuwait al sesto posto al mondo subito prima degli EAU (7%) e dopo Venezuela, Arabia Saudita, Canada, Iran e Iraq. Circa 20 miliardi di barili sono in Marrat, una struttura geologica che si estende da nord a sud del  paese. Il Kuwait possiede anche meta’ dei 5 miliardi di barili nella zona neutra condivisa con l'Arabia Saudita. Il più grande campo petrolifero in Kuwait - e il secondo più grande del mondo - è il Burgan (70 miliardi di barili) nel sud del paese.
Allo stato attuale, il Kuwait è il quarto produttore ed esportatore nell’OPEC (l'Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio), con circa 1417 pozzi produttivi, di cui metà sono poco profondi e l’altra metà sono pozzi ad alta pressione situati a Marrat, con capacita’ di estrarre fino a 10.000 b / g ciascuno.

Il previsto aumento di produzione petrolifera dagli attuali 3,1 milioni di barili al giorno a 4 milioni entro il 2020, sara’ realizzato col potenziamento delle infrastrutture esistenti e con lo sviluppo di nuovi impianti, con un costo totale di circa $ 80 miliardi.

Il progetto denominato “Clean Fuels Project”, che dovrebbe essere completato nel 2018, e’ il maggiore tra i progetti downstream e  prevede investimenti per 18 miliardi di USD per convertire l’intera produzione delle tre raffinerie oggi attive in carburanti di nuova generazione in grado, a differenza della produzione attuale, di essere esportati nei grandi mercati di Europa e Estremo Oriente, nei quali vigono severi limiti sulla percentuale di prodotti inquinanti presenti nei derivati petroliferi.

Il progetto riguarda l'ammodernamento e l'aggiornamento di due raffinerie Mina Abdullah e Mina Al Ahmadi, che dovrebbero aumentare la loro produzione giornaliera da 264.000 barili a 800.000 barili e la riorganizzazione della la terza raffineria a Shuaiba prima della sua prevista dismissione, il tutto in tre pacchetti principali EPC, ciascuno del valore di 4-5 miliardi di USD. La Foster Wheeler americana si e’ aggiudicata il contratto di  “project mangement consultancy” pari a 140 milioni di KD (circa 390 milioni di euro).

Il progetto ‘Raffineria di Al Zhour’ (noto anche come “Fourth Refinery”) prevede un investimento di circa 14,4 miliardi di USD per la costruzione di una raffineria della capacità produttiva prevista di 615.000 barili al giorno. Il progetto lanciato inizialmente nel 2005, dopo ritardi e l’annullamento di due gare e’ stato rilanciato nel marzo 2012 con decreto del ‘Supreme Petroleum Council’. L’inglese Amec si e’  aggiudicata il contratto di  “project mangement consultancy” del valore di 148 milioni di KD.

Gas

Complemento per l'espansione della capacità di produzione di petrolio è la necessita’ di individuare nuove fonti di gas per il settore energetico del Kuwait, per gli impianti di desalinizzazione dell'acqua e per gli impianti  petrolchimici. La produzione di energia elettrica consuma fino a 100.000 b / g di petrolio, ma il govemo si augura che il gas possa prendere il suo posto, liberando così più petrolio greggio per l'esportazione. A parte le importazioni, il gas potrebbe anche essere prodotto in mare aperto nel campo Durra, nel Golfo, dove il Kuwait, l'Iran e l'Arabia Saudita hanno rivendicazioni almeno parziali. Tuttavia, il Kuwait è anche desideroso di sviluppare le proprie riserve onshore. Alta priorità è  data alla ricerca di gas non associato al petrolio, in particolare nelle rocce risalenti all’eta’ giurassica al di sotto dei giacimenti petroliferi gia’ esistenti.


^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché KUWAIT Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in KUWAIT

AMBASCIATA AL KUWAIT