02/08/2016 - L’ANTAQ prevede di trasferire ai privati l’amministrazione di un centinaio di aree portuali

L’ANTAQ prevede di trasferire ai privati l’amministrazione di un centinaio di aree portuali

L’Agenzia Nazionale dei trasporti marittimi e delle vie d’acqua interne (ANTAQ) ha annunciato il possibile passaggio ai privati dell’amministrazione di oltre un centinaio di aree portuali (magazzini, moli, piccoli terminali) lungo la vasta aria costiera brasiliana, al momento gestite delle Autorità portuali e che costituiscono spesso un costo netto per le stesse.

L’Agenzia sta portando a termine una mappatura dettagliata di tali aree, che potranno essere oggetto di bandi semplificati e di contratti di concessione anche di breve durata (ad esempio 5 anni), potendo rappresentare uno strumento utile di attrazione di investimenti privati nel Paese, a conferma della rinnovata volontà politica di ridare slancio agli investimenti nel settore infrastrutturale.

Inoltre, l’Agenzia sta già adottando delle misure per ridurre i requisiti (ad esempio, in termini di garanzie finanziarie) e snellire le procedure per le autorizzazioni a costruire e operare i terminali privati (TUP), che rappresentano il piatto forte degli investimenti nel settore portuale, con giá 67 autorizzazioni concesse dal 2013, per un valore di investimento stimato di circa 16,2 miliardi di reais (pari oggi a circa 4,5 miliardi di euro).


Ambasciata d'Italia a Brasilia
^Elenco highlights^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché BRASILE Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in BRASILE