25/02/2016 - Il Dipartimento del Commercio USA rende noti i dati dell'interscambio 2015

Il Dipartimento del Commercio USA rende noti i dati dell'interscambio 2015

I dati pubblicati a febbraio 2016 dal Dipartimento del Commercio americano per il 2015 fanno stato di un'ulteriore aggravio del deficit commerciale americano con il resto del mondo. In particolare, le esportazioni USA a livello globale sono state pari a $2,23 trilioni, in calo del -4.8% (-$112,9 miliardi) rispetto al 2014. Meno sensibile il calo sul fronte delle importazioni dall'estero che hanno raggiunto $2,76 trilioni, inferiori di circa $89,7 miliardi (-3,1%) rispetto al 2014.

Nel complesso il deficit commerciale americano per beni e servizi ha raggiunto $531,5 miliardi ed e' cresciuto nel 2015 di ulteriori $23.2 miliardi (+4,6%). Cio' e' dovuto sia alla crescita del deficit per la voce beni (+$17,5 miliardi, +2,4%) sia alla riduzione del surplus americano per la voce servizi (-$5,7 miliardi, -2,4%).

I paesi con i quali gli USA registrano il maggiore deficit commerciale per la voce beni risultano essere la Cina ($365,7 mld), Germania ($74,2 mld), Giappone ($68,6 mld), Messico ($58,4 mld), Corea del Sud ($28,3 mld), Italia ($27,8 mld), India ($23,2 mld), Malesia ($21,5 mld), Francia ($17,6 mld), Tailandia ($17,3 mld), Canada ($14,9 mld) e Taiwan ($14,8 mld).

Per quanto riguarda i principali partners bilaterali, il 2015 registra il sorprasso da parte della Cina ($598,1 miliardi) ai danni del Canada ($575,5 miliardi) quale primo partner commerciale degli USA. Pechino e' il primo paese esportatore negli Stati Uniti ($481,9 mld) con una quota di mercato del 21,5% e il terzo mercato di sbocco dei beni americani ($116,2 mld) ed assorbe il 7,7% del totale delle esportazioni USA nel mondo. Il Canada, a sua volta, si conferma essere il primo mercato di sbocco per i beni americani ($280,3 mld) assorbendo il 18,6% del totale complessivo delle esportazioni USA. Il Messico e' il terzo partner commerciale degli Stati Uniti ($531,1 mld) ed il secondo mercato di sbocco per le merci USA ($236,4 mld), seguito dal Giappone, quarto paese sia per l'export americano ($62,5 mld) che per le importazioni ($131,1 mld). Il primo paese europeo in termini di interscambio con gli USA e' la Germania con $174,1 mld (quinto partner commerciale). L'Unione Europea nel suo insieme 'pesa' piu' della Cina con un interscambio complessivo pari a $811,1 miliardi, superando Pechino sia come fornitore ($490,6 mld) che come mercato di sbocco delle merci USA ($ 320,5 mld).

Per quanto concerne i trend geografici e merceologici, le variazioni piu' significative si registrano nell'interscambio con il Canada (-10,2% le esportazioni USA, -15% l'import americano) e con l'America centro-meridionale (-16,7% per l'export USA e -23% per le importazioni dalla regione), non solo a causa della frenata del commercio con il Brasile. Da segnalare inoltre il netto taglio delle importazioni dall'Arabia Saudita (-53,1% per complessivi $22 mld) in conseguenza della crescita dello shale oil domestico, come conferma anche il dato complessivo delle importazioni di prodotti petroliferi e derivati (-45,7%).

Nonostante la marcata svalutazione dell'euro rispetto al dollaro potesse far pensare ad effetti piu' incisivi sull'interscambio USA-UE, il 2015 si e' chiuso con un incremento delle esportazioni UE del 1% ed un calo del -1,2% delle importazioni dagli Stati Uniti. Se il commercio con il Giappone subisce una battuta d'arresto (-2,2% l'import USA, -6,4% l'export verso il Sol Levante), i dati sulla Cina, come su indicato, registrano un ulteriore peggioramento del deficit commerciale per gli USA, con una crescita delle esportazioni cinesi (+3,2%) a fronte di un calo delle esportazioni americane (-6,1%).

Circa i comparti merceologici, il calo delle esportazioni americane ha riguardato tutte le principali voci: alimenti e animali vivi (-9,9%), materiali grezzi non inclusi i carburanti (-16%), carburanti minerali e lubrificanti (-31,7%), prodotti chimici e derivati (-3,5%), macchinari e mezzi di trasporto (-3,3%), beni manufatti (-7%).


Ambasciata d'Italia
^Elenco highlights^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché USA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in USA

CONSOLATO GENERALE BOSTON (Massachusetts)CONSOLATO GENERALE CHICAGO (Illinois)CONSOLATO DI PRIMA CLASSE DETROIT (Michigan)CONSOLATO GENERALE FILADELFIA (Pennsylvania)CONSOLATO GENERALE HOUSTONCONSOLATO GENERALE LOS ANGELES (California)CONSOLATO GENERALE MIAMI (Florida)CONSOLATO GENERALE DI PRIMA CLASSE NEW YORKCONSOLATO GENERALE SAN FRANCISCO (California)AMBASCIATA WASHINGTON