28/07/2014 - Allevamenti: Sanità pubblica veterinaria ‘Made in Italy’ nel sud del paese

Allevamenti: Sanità pubblica veterinaria ‘Made in Italy’ nel sud del paese

ANGOLA – E’ stato avviato il progetto di Sanità Pubblica Veterinaria che vede Il Governo della Provincia della Huìla avvalersi del supporto della Onlus Marco Di Martino, di Pescara, e della consulenza tecnica dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale dell’Abruzzo e Molise “G. Caporale” (IZSAM).

A riferirlo è lo stesso IZSAM con una nota nella quale si precisa che il progetto è stato avviato il 12 luglio a Lubango, nel sud dell’Angola, alla presenza del Ministro dell’Agricoltura dello Sviluppo Rurale e della Pesca della Repubblica dell’Angola, Afonso Pedro Canga, Il Governatore della Provincia della Huìla, João Marcelino Tyipinge, e il Direttore dei Servizi Veterinari angolani, Antonio José.

Dopo la presentazione, a cui ha partecipato il dirigente veterinario dell’IZSAM Massimo Scacchia, il Ministro dell’Agricoltura ha sollecitato gli amministratori delle Provincie confinanti (Namibe, Cunene, Cuando Cubango e Benguela) a prender parte al progetto per poi estenderlo all’intero territorio della Repubblica dell’Angola, definendolo: “strategico per la nazione, avendo tra i suoi obiettivi il miglioramento della salute pubblica attraverso la lotta alle zoonosi e la riduzione delle tossinfezioni alimentari”.

Il progetto, che si inserisce nell’accordo di collaborazione tecnico-scientifica sottoscritto dal Governatore della Huìla e dalla Regione Abruzzo nel 2010, sarà interamente finanziato dall’Angola con circa 7 milioni di dollari.

Le attività previste tendono ad ottimizzare la catena produttiva della carne con ripercussioni positive sulla salute umana: si partirà dalla ristrutturazione dei piccoli mattatoi municipali e delle macellerie, dalla fornitura di tecnologia di base per la corretta conservazione delle carni durante le fasi di distribuzione e commercializzazione, fino ad arrivare alla formazione degli operatori.

I bovini della provincia angolana, circa 1.500.000 di capi, saranno tutti identificati e registrati, in accordo alla normativa europea, utilizzando un software progettato a Teramo.

Presentando il progetto anche al presidente del Consiglio Matteo Renzi durante la sua recente visita a Luanda, il ministro dell’Agricoltura angolano ha definito il partenariato tra Angola e l’IZSAM come “strategico per l’Angola”.

A pochi giorni dall’avvio del progetto, il 21 luglio, il Primo Ministro Matteo Renzi ha visitato l’Angola, accolto dall’ambasciatore italiano a Luanda, dove ha incontrato le autorità locali e un ristretto numero di imprenditori angolani e italiani. Al Presidente del Consiglio Renzi è stato presentato anche il progetto di Sanità Pubblica Veterinaria coordinato dall’IZSAM e definito nell’occasione “strategico per l’Angola” dal Ministro dell’Agricoltura Afonso Pedro Canga, il quale ha manifestato la volontà di attivare un accordo tra il suo Ministero e il Ministero della Salute italiano.

Questa è l’ennesima attestazione della stima di cui godono la Onlus Di Martino, da oltre un decennio presente in Angola, e l’IZS dell’Abruzzo e del Molise da anni impegnato in progetti di ricerca nel continente africano. Un progetto simile a quello angolano è in corso anche nella confinante Namibia, anche qui grazie a un finanziamento diretto del governo namibiano.


InfoAfrica www.infoafrica.it
^Elenco highlights^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché ANGOLA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in ANGOLA

AMBASCIATA LUANDA