15/08/2019 - Quattro opzioni aperte sui futuri investimenti ferroviari nel nodo di Bratislava

Quattro opzioni aperte sui futuri investimenti ferroviari nel nodo di Bratislava

Si è concluso pochi giorni fa, e pubblicato sul sito della società statale Železnice SR che gestisce la rete ferroviaria slovacca, uno studio sull’hub ferroviario di Bratislava e in particolare sulle prospettive di modernizzazione del sistema del trasporto su rotaia nel territorio della capitale.

Il documento prospetta un quadro di raccomandazioni e proposte sulla futura direzione della mobilità su rotaia nella città di Bratislava, fornendo quattro possibili soluzioni.

La prima opzione, per un costo di 653 milioni di euro, prevede una concentrazione di tutti i treni, tranne quelli per Rajka e Vienna via Kittsee, verso la stazione centrale. È l’alternativa più economica che prevede la modernizzazione della sezione Bratislava – Lamač – Hlavná stanica – Bratislava – Vinohrady.

La seconda opzione, per 706,2 milioni di euro, presuppone il frazionamento del traffico ferroviario, sottraendo alla stazione principale una buona parte dei treni regionali per convogliarli tra le stazioni di Bratislava-Nové Mesto, Bratislava-Petržalka e Podunajské Biskupice. Il traffico interregionale e interstatale sarebbe concentrato nella stazione centrale, e si metterebbe mano a una ristrutturazione delle tratte Devínska Nová Ves – Hlavná stanica – Bratislava-Vinohrady e Bratislava-Nové Mesto – Podunajské Biskupice.

La terza alternativa suggerisce la distribuzione del trasporto ferroviario in modo uniforme su tutte le stazioni della città. I treni diretti a Trnava, Kúty e Vienna partirebbero ​​dalla stazione principale, quelli per Galanta da Nové Mesto, per Dunajská streda da Bratislava – predmestie e i convogli diretti a Vienna da Rajka da Petržalka. Il costo di tale soluzione è stimato in 740 milioni di euro.

E poi c’è una quarta, e più onerosa opzione, che prevede il ripristino della stazione Bratislava-Filiálka, sita nei pressi di Trnavské mýto, abbandonata alla metà degli anni ’80. La previsione di costo è di 872 milioni. Lo studio suggerisce l’utilità di rimettere in funzione tale stazione e farne il luogo di partenza dei collegamenti regionali per Pezinok, Senec e Dunajská Streda.

Secondo i commentatori, tuttavia, una decisione non sarà assunta a breve e probabilmente spetterà al prossimo Esecutivo affrontare tale dossier.


Ambasciata d'Italia - 15 agosto 2019
^Elenco highlights^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché SLOVACCHIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in SLOVACCHIA

AMBASCIATA BRATISLAVA