21/06/2019 - flussi commerciali Italia-Pakistan

flussi commerciali Italia-Pakistan

Le esportazioni italiane hanno conosciuto un costante aumento dal 2014 al 2018 (421 mln di euro nel 2014, 440.5 l’anno successivo, per superare i 620 nel 2016, i 756 nel 2017 ed i 763 nel 2018), con un saldo che e’ diventato a nostro favore a partire dal 2016 (per quasi 160 mln). L’Italia si colloca cosi’ tra i primi dieci paesi esportatori verso il Pakistan (dopo USA, UK, Cina, Afghanistan, Germania, Spagna, EAU e Olanda), quinta in Europa. Tale sviluppo positivo ha cominciato a subire un rallentamento a partire dal 2017, allorche’ il Pakistan ha incrementato le tariffe sui beni importati, con lo scopo di contrastare la fuoriuscita di dollari e la crisi nella bilancia commerciale.

Questo ha comportato una riduzione dei ritmi di crescita delle esportazioni, passando da un incremento del 41% e 21% nel 2016 e 2017 ad un 0.9% nel 2018. Tale riduzione della crescita peraltro non pare riconducibile alle variabili del mercato interno pachistano, i cui operatori economici al contrario continuano a rivolgersi alle imprese italiane per prodotti, soprattutto nel settore dei macchinari del tessile e delle costruzioni, necessari alla diversificazione e modernizzazione dell’economia. In questo senso, va considerato come, malgrado l’imposizione delle tariffe, i tassi di crescita dell’interscambio siano rimasti superiori ai dati registrati nel periodo precedente il 2016 (-29,5% nel 2013, -2,1 nel 2014, +4,5 nel 2015). Inoltre, a testimonianza della “ricerca di Italia” degli operatori pachistani, i nostri partner europei hanno riscontrato in tale mercato ritmi di crescita sensibilmente inferiori ai nostri dopo il 2017, con l’eccezione della Germania.

Dal punto di vista delle categorie merceologiche, tra i principali articoli esportati dall’Italia si annoverano i macchinari per impieghi speciali, in costante aumento (91,7 mln di euro nel 2015, 157,9 nel 2016, 170,6 nel 2017, scese pero a 154,5 mln nel 2018).  Una leggera flessione si e’ invece registrata per i macchinari di impiego generale. Gli 88 mln di euro in export registrati nel 2015, divenuti 108 nel 2016,  si sono contratti a 105 nel 2017 ed a 89 mln di euro nel 2018.

Un sensibile aumento e’ stato registrato quanto agli strumenti e apparecchi di misurazione,con esportazioni nel 2018 e’ stato di 48,3 mln di euro, contro i 23 dell’anno precedente. Stesso dicasi per aeromobili e relativi dispositivi, passati da 16 mln di euro nel 2015 ai quasi 120 del 2017 e quasi 142 del 2018.

I citati elementi costituiscono poco piu’ del 55% dell’export complessivo italiano, i cui altri elementi sono prodotti chimici, medicinali e preparati farmaceutici, fabbricati e prodotti alimentari. In merito a tali altre merci, i prodotti chimici, compresi i fertilizzanti, hanno registrato un decremento (25,9 mln di euro nel 2018, contro i 30,7 del 2017), pur se contenuto.

Per quanto riguarda il lato pachistano dell’interscambio, i principali prodotti importati dall’Italia sono tessuti, articoli di abbigliamento, pelletteria ed altri prodotti tessili, oltre a minerali, prodotti chimici, prodotti amidacei. Le importazioni pachistane hanno avuto un incremento complessivo tra il 2015 ad il 2018 (passando da 578 mln di euro a 613 nel 2018, fino a novembre), pur nella persistenza di saldi negativi nei nostri confronti.


Ambasciata d'Italia ad Islamabad
^Elenco highlights^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché PAKISTAN Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in PAKISTAN

AMBASCIATA ISLAMABADCONSOLATO KARACHI