26/09/2018 - INTERSCAMBIO BILATERALE ITALIA-USA. AGGIORNAMENTO PRIMO SEMESTRE 2018

INTERSCAMBIO BILATERALE ITALIA-USA. AGGIORNAMENTO PRIMO SEMESTRE 2018

Secondo i dati pubblicati dal Dipartimento del Commercio USA, nel primo semestre 2018 l’interscambio complessivo di beni e servizi e’ stato pari a $2.810 mld, con un aumento dell’8,8% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, mentre il disavanzo commerciale, per $291,2 mld, e' aumentato del 7,6%. Le esportazioni, per un totale di $1.260 mld, sono cresciute del 9% e le importazioni, per $1.551 mld, sono aumentate del 8,7%. L'interscambio relativo ai soli beni ($2.105 mld), ha registrato un aumento del 9,3%, mentre il disavanzo commerciale, di $423,4 mld, e' aumentato del 6,3%. Le esportazioni, per $840,7 mld, sono aumentate del 10,1% e le importazioni, per $1.264,1, sono cresciute del 8,8%. L'interscambio relativo ai servizi, per un totale di $705,6 mld - esportazioni per $418,9 mld (+6,7%) ed importazioni per $286,7 mld (+7,9%) - e' aumentato del 7,2%. I viaggi rimangono la voce di maggior peso, sia in entrata che in uscita (24,8% sul totale dell'interscambio).

Per quanto concerne l'interscambio di beni per aree, la UE nel suo insieme continua a pesare piu' della Cina, con un interscambio di $400 mld - in aumento del 14,3% rispetto al primo semestre del 2017 - con importazioni per $161,2 mld (+15%) ed esportazioni per $238,8 mld (+13,7%). Quanto ai singoli Paesi, la Cina si conferma principale partner commerciale degli USA, con un interscambio di $313,8 mld, primo fornitore ($249,7 mld) e terzo mercato di sbocco ($64 mld), seguita da: Canada (almeno per ora ancora parte del NAFTA insieme a Messico e Stati Uniti, in attesa dell’esito dei negoziati in corso), primo mercato di sbocco ($151,1 mld) e terzo fornitore ($160 mld), con un interscambio di $311,9 mld; Messico ($300,6 mld); Giappone ($106 mld); Germania ($91,7 mld), primo Paese europeo in termini di interscambio. In particolare, si è continuato a registrare un aumento delle importazioni statunitensi da Canada, Cina, Irlanda e Messico, nonche’ da Corea del Sud, Regno Unito, Francia e Germania. Gli Stati Uniti hanno registrato il maggiore disavanzo commerciale con Cina (-$185,7 mld), Messico (-$38 mld), Giappone (-$34,6 mld) e Germania (-$33 mld), mentre hanno registrato un saldo positivo con Hong Kong ($16,3 mld), Paesi Bassi ($13,5 mld) e il gruppo di Paesi del Centro e Sud America ($19,3 mld).

L'aumento delle esportazioni americane ha interessato in particolare le voci di: carburanti e lubrificanti (+36,5%); materiali grezzi (+13,7%); prodotti chimici e derivati (+6%). Sul fronte delle importazioni, i settori che hanno registrato le maggiori variazioni sono stati quelli dei carburanti e lubrificanti (+15,8%), in particolare prodotti del petrolio (+17,6%) e dei prodotti chimici e derivati (+17,3%), soprattutto farmaceutici (+22,5%).Nel primo semestre 2018 l'interscambio di beni con l'Italia ($38,8 mld), ha registrato un incremento del 17,9% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L'Italia si conferma 10mo partner commerciale degli USA, con una quota di mercato dell'1,9%. Con un saldo attivo di $14,9 mld, cresciuto del 4,1%, l'Italia si conferma alla settima posizione tra i Paesi verso i quali gli USA hanno registrato il maggior disavanzo commerciale.

Le esportazioni italiane ($26,8 mld) sono cresciute del 13,7% e le importazioni ($11,9 mld) sono aumentate del 28,5%. Il nostro Paese si conferma al nono posto tra i fornitori degli USA con una quota di mercato del 2,2%. Si colloca, altresi’, al 17mo posto nella classifica clienti, guadagnando due posizioni rispetto all'analogo periodo del 2017.

Le voci principali dell'export italiano sono state: meccanica (23,4%), moda e accessori (15,7%), mezzi di trasporto (15,2%), chimica e farmaceutica (13,4%), agroalimentare e bevande (9,4%), semilavorati e componenti (8,9%), arredamento ed edilizia (5,3%). Le importazioni italiane si sono concentrate per il 19,8% nel settore chimico-farmaceutico, 15,1% nella meccanica, 24,8% nel settore dei semilavorati, 11,8% nel settore mezzi di trasporto, 11,1% nel settore moda e accessori.  [1]

Sul fronte dei servizi, sulla base dei dati relativi all’intero 2017, l'Italia si colloca al tredicesimo posto tra i principali partner commerciali USA per valore dell'interscambio bilaterale, pari a $21,7 mld, con un aumento del 7,4% rispetto al 2016. Con un saldo attivo anche per il 2017 ($3,1 mld), l'Italia rimane nel novero dei pochi Paesi al mondo (insieme a Germania ed India) ad essere esportatori netti di servizi verso gli USA.

[1] Fonte: elaborazioni ICE New York su dati Dipartimento del Commercio USA


Ambasciata d'Italia
^Elenco highlights^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché USA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in USA

CONSOLATO GENERALE BOSTON (Massachusetts)CONSOLATO GENERALE CHICAGO (Illinois)CONSOLATO DI PRIMA CLASSE DETROIT (Michigan)CONSOLATO GENERALE FILADELFIA (Pennsylvania)CONSOLATO GENERALE HOUSTONCONSOLATO GENERALE LOS ANGELES (California)CONSOLATO GENERALE MIAMI (Florida)CONSOLATO GENERALE DI PRIMA CLASSE NEW YORKCONSOLATO GENERALE SAN FRANCISCO (California)AMBASCIATA WASHINGTON