13/03/2018 - Tunisia e Regione Umbria insieme per sviluppo progetti agricoli

Tunisia e Regione Umbria insieme per sviluppo progetti agricoli

TUNISIA – Scambiare e diffondere le buone pratiche italiane in agricoltura a proposito dei modelli collaborativi e di aggregazione: questo lo scopo di un forum organizzato a Tunisi da Umbria Export – Agenzia per l’internazionalizzazione di Confindustria Umbria, insieme all’Agence de promotion des Investissements Agricoles (Apia).

A segnalarlo è stato l’Ufficio di tunisi di ICE-Agenzia, specificando che all’iniziativa hanno partecipato centinaia di operatori del settore agro-industriale tunisino e italiano.

Il forum rientra nell’ambito del progetto ‘Agriculture durable’, finanziato dall’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo del ministero degli Esteri, tramite i fondi del bando per le organizzazioni della società civile anno 2015.

Capofila del progetto è la ong Elis di Roma, mentre i partner italiani sono: Umbria Export (l’Agenzia per l’internazionalizzazione di Confindustria Umbria), Ce.s.a.r. (il Centro per lo sviluppo agricolo e rurale dell’Università degli Studi di Perugia), Nardi, azienda storica dell’alta valle del Tevere specializzata nella produzione di macchine agricole e l’Istituto per la cooperazione Universitaria Onlus.

Partner locali sono invece l’Agenzia tunisina per la promozione degli investimenti in agricoltura (Apia), la Direzione Generale dell’ingegneria rurale, dell’acqua e delle foreste (Dggree) che si avvalgono sul territorio di molti altri soggetti pubblici e privati.

In tutto sono 11 i governatorati tunisini interessati.

“È un’eccellente opportunità per scambi di best practices, di idee e di business, che porterà benefici sia in Tunisia che in Italia”, ha detto Fausto Bruschi, direttore tecnico dell’azienda italiana Master & Co. specializzata nella costruzione di macchine automatiche.

Dello stesso avviso anche Massimiliano Gaudenzi, product manager di Agricolus, azienda qualificata nell’agricoltura di precisione: “Questa collaborazione permetterà alle aziende tunisine di aumentare la loro competitività, migliorando la produttività, grazie alla tecnologia italiana”.

Molteplici i settori coinvolti: latte e derivati, olio d’oliva, melograno, datteri, agrumi e cereali. Si prevede inoltre che 270 agricoltori tunisini verranno positivamente coinvolti nelle attività insieme a 22 tecnici dell’Apia. [MV]


InfoAfrica www.infoafrica.it
^Elenco highlights^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché TUNISIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in TUNISIA

AMBASCIATA TUNISI