24/11/2017 - Visto all’arrivo per i soggiorni brevi, alleggerimenti per tutti i viaggiatori

Visto all’arrivo per i soggiorni brevi, alleggerimenti per tutti i viaggiatori

RWANDA – Sarà più facile recarsi in Rwanda dal 1° gennaio 2018 in poi: tutti i visitatori, da qualsiasi Paese di provenienza, potranno ottenere un visto all’arrivo, senza l’obbligo di richiederlo prima di partire presso consolati e ambasciate. L’alleggerimento di questa procedura burocratica riguarderà i soggiorni brevi, di meno di 30 giorni.

La novità è stata annunciata dalla Direzione generale dell’Immigrazione e dell’emigrazione. Dalla stessa Direzione è giunta notizia che i cittadini di 18 Paesi con i quali esiste un accordo di reciprocità non avranno più bisogno di chiedere e pagare un visto. Si tratta dei cittadini muniti di regolari passaporti del Benin, della Repubblica Centrafricana, del Ciad, del Ghana, della Guinea, del Senegal, di Sao Tome and Principe , della RD Congo, delle Mauritius, dell’Indonesia, di Haiti, delle Filippine e di Singapore. Basterà una carta d’identità per i vicini del Burundi, del Kenya, dell’Uganda, della Tanzania e del Sud-Sudan.

Per quanto riguarda i ruandesi con doppia cittadinanza residenti all’estero, potranno usare le loro carte d’identità ruandesi per entrare in patria. Gli stranieri che vivono in Rwanda e hanno carte d’identità e di residenza potranno usare varchi elettronici al Kigali international Airport. [CC]


InfoAfrica www.infoafrica.it
^Elenco highlights^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché RUANDA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia