10/10/2017 - I bergamaschi di Chemtech Solar fanno centro con un progetto da 200 MW

I bergamaschi di Chemtech Solar fanno centro con un progetto da 200 MW

SENEGAL – A seguito del recente Forum “Investire in Africa”, tenutosi a Dakar lo scorso settembre e organizzato da Work Bank Group e China Development Bank, Chemtech Solar ha siglato insieme al partner cinese CGN un importante protocollo di accordo con Senelec (ente statale fornitore di elettricità) e il governo senegalese per un investimento di oltre 200 MW da realizzarsi entro il 2020. L’obiettivo è quello di fare del Senegal la porta di ingresso ai Paesi del West Africa per quanto riguarda lo sviluppo di energia rinnovabile, sia solare che eolica, e di altre energie alternative, con un investimento complessivo di oltre 200 milioni di euro.

Chemtech non è nuova al Senegal. Lo scorso anno ha iniziato un progetto ambizioso realizzando il primo grande parco fotovoltaico del Senegal: un lotto iniziale di 11 MW è stato allacciato alla rete di Malicounda (vicino Dakar) nel novembre 2016 alla presenza del presidente della Repubblica Macky Sall. Questo impianto è stato subito accolto con entusiasmo dalle autorità politiche e istituzioni locali, tanto da suscitare l’interesse di altri Stati africani limitrofi per collaborazioni e progetti futuri: dalla Nigeria al Burkina Faso, dalla Costa d’Avorio alla Guinea Conakry, per arrivare fino al Kenya. Nel frattempo il parco fotovoltaico di Malicounda è già stato esteso ad oltre 20 MW, con altri 40 in arrivo entro la fine del 2018. Tutto questo è reso possibile grazie all’aiuto di tre prestigiosi partners a livello internazionale: Risen Energy per i pannelli solari, Huawei Technology per gli inverter e China General Nuclear per l’investimento finanziario.

“Con la recente saturazione del mercato fotovoltaico in Europa – ha detto Piergiorgio Balicco, Presidente di Chemtech Solar – l’Africa è stata per noi una scelta quasi obbligata: sia per il forte fabbisogno energetico di queste nazioni, sia per le favorevoli condizioni climatiche e di irraggiamento che ovviamente favoriscono la produzione di energia solare. L’investimento iniziale in Senegal si è rivelato un prestigioso biglietto da visita per la nostra azienda: l’impianto di Malicounda è già stato visitato da numerosi ministri e autorità africane”.
Nel prossimo futuro Chemtech continuerà concentrarsi sull’Africa occidentale, per consolidare la presenza sul territorio, e per acquisire allo stesso tempo maggiore esperienza operativa a livello locale.
“Al proposito – ha aggiunto Balicco – abbiamo creato una società di diritto senegalese che si occuperà dello sviluppo di questi progetti, oltre che della gestione di tutte le attività di public relations con le autorità governative e con le società di distribuzione dell’energia”.

Chemtech promuove inoltre un approccio etico e socialmente responsabile durante la realizzazione dei suoi progetti: ha creato posti di lavoro per gli abitanti del luogo e si è occupata direttamente della formazione del personale locale che dovrà curare l’esercizio e la manutenzione degli impianti per i prossimi 20 anni. L’azienda bergamasca si è inoltre impegnata a realizzare numerosi interventi a beneficio della popolazione residente nella zona, tra cui la costruzione di un nuovo centro di maternità e pronto soccorso (la posa della prima pietra è avvenuta con una cerimonia ufficiale lo scorso 26 settembre), l’ammodernamento di due scuole e l’estensione della rete di illuminazione del comune con l’installazione di lampade solari a tecnologia led.


InfoAfrica www.infoafrica.it
^Elenco highlights^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché SENEGAL Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia