Cosa vendere


Prodotti delle altre industrie manufatturiere

 

Il segmento della cosmesi e dei prodotti per la cura del corpo in Germania ha raggiunto nel 2016 un fatturato di 13,6 miliardi di euro (+2,2% rispetto al 2015). Il 36,4% del fatturato va ricondotto alla categoria dei prodotti per la cura della pelle, il 22,9% agli articoli per la pulizia e la cura dei capelli, il 18,2% ai prodotti cosmetici, il 12% alla categoria profumi e il 10% ai deodoranti e ai prodotti da toilette.

Il fatturato derivante dalla commercializzazione di cosmetici naturali ha raggiunto nel 2016 1,1 miliardi di euro (+4,5% rispetto al 2015).

La spesa dei consumatori tedeschi nel 2016 per l’acquisto di prodotti per la cura del corpo ammontava a 36,6 miliardi di euro (+2,2%). Circa il 5% è stato destinato all’acquisto di prodotti naturali di cosmesi e di cura del corpo.

Rispetto alla leggera diminuzione nel 2015 dei prezzi per smalto per unghie e mascara, nel 2016 si è registrato un generale aumento dei prezzi di prodotti cosmetici e dei profumi all’interno del mercato tedesco.

Relativamente alla ripartizione del fatturato del settore tra gli attori attivi nella commercializzazione al dettaglio di prodotti cosmetici e per la cura del corpo sul mercato tedesco, le drogherie detengono una quota del 46,4%, seguite dalle profumerie (17,8%), dagli ipermercati (14%), dalle farmacie (8,9%), dai discount (8,3%), dai grandi magazzini (3,3%) e dai rivenditori al dettaglio (1,2%). Il fatturato derivante dalla vendita online corrisponde al 5,3% del volume complessivo del giro d’affari del settore in Germania.

Nell’ambito della cosmesi naturale, il 40% del fatturato va ricondotto alle drogherie, seguite dai rivenditori specializzati (15%) e dalle catene (Reformhäuser) al dettaglio per prodotti biologici (10%). Le farmacie e le profumerie detengono una quota rispettivamente del 9% e dell’8%. Le catene per la vendita al dettaglio di prodotti alimentari detengono una quota sul fatturato complessivo derivante dalla vendita di cosmetici naturali in Germania del 6,3%.

Sul versante della produzione, la struttura dell’industria tedesca di cosmetici e prodotti per la cura del corpo, che impiega quasi 24.000 dipendenti, vede una prevalenza di aziende di medio grandi dimensioni. Il volume della produzione in Germania di cosmetici e di articoli per la cura della pelle ha raggiunto nel 2016 i 2,3 miliardi di euro. Il volume degli investimenti per la produzione di cosmetici e di articoli per la cura del corpo ammontava nel 2015 a 160 milioni di euro.

La Germania ha importato dall’estero nel 2016 prodotti di bellezza e di protezione solare per un volume totale di 2 miliardi di euro (+7% rispetto al 2015) e profumi per un ammontare di 1,5 miliardi di euro (+6,4%). Seguono i miscugli di sostanze aromatiche con 1 miliardo di euro di articoli importati e i prodotti per la rasatura e per la cura del corpo, per un ammontare di 601 milioni di euro.

La Francia rappresentava nel 2016 il principale Paese fornitore della Germania di prodotti per la cura del corpo, di cosmetici e profumi (1,4 miliardi di euro), seguita dal Regno Unito (528 milioni di euro), dalla Svizzera (504 milioni di euro) e dall’Italia, con un volume totale di articoli esportati sul mercato tedesco di 468 milioni di euro.  

Il segmento della cosmesi, in particolare della cosmesi naturale, offre delle buone prospettive per le aziende italiane interessate all’esportazione sul mercato tedesco. In fase di definizione di una strategia di internazionalizzazione, si consiglia, tuttavia, ai produttori italiani di porre particolare attenzione all’etichettatura del prodotto in lingua tedesca, elemento fondamentale per la commercializzazione dello stesso all’interno del mercato tedesco.



Macchinari e apparecchiature

L’industria dei macchinari e dell’impiantistica tedesca, con 6.782 aziende e più di 1.000 dipendenti, rappresenta, dopo l’industria automobilistica, il segmento più rilevante del comparto manifatturiero in Germania relativamente al volume del fatturato. Nel 2016 il fatturato dell’industria dei macchinari e dell’impiantistica tedesca ha raggiunto i 219 miliardi di euro (+0,8% rispetto al 2015). La produzione ha mostrato un incremento dell’1% per un totale di 203 miliardi di euro.

Il volume degli ordini del settore ha visto un calo del 2%, dovuto, in particolare, ad un calo delle commesse dall’estero del 3%
(-8% dalla Zona Euro).

La domanda dall’estero di macchine per la fonderia, di automazioni elettriche e di macchinari del settore robotica e automazione ha visto un aumento notevole nel 2016 rispettivamente del 33% e dell’11%. Sul mercato interno, invece, ha registrato un notevole aumento la domanda di macchine da costruzione e da materiali da costruzione, di macchine per lavorazione legno e di ascensori e scale mobili con delle variazioni rispettivamente del 35%, del 21% e del 15%.

Calo notevole delle commissioni estere e domestiche di turbine (-22%), di attrezzature minerarie (-20%) e di laminatoi e macchine per la metallurgia (-15%).

Il volume degli investimenti dell’industria dei macchinari e dell’impiantistica tedesca ha raggiunto nel 2016 i 7,8 miliardi di euro. I fondi allocati a segmenti di R&S interni all’azienda stessa ammontavano complessivamente, nell’anno in questione, a 5,8 miliardi di euro.

Le esportazioni dell’industria dei macchinari e dell’impiantistica tedesca all’estero hanno raggiunto nel 2016 i 155,9 miliardi di euro mentre le importazioni i 64,3 miliardi di euro.

Sul versante delle importazioni, l’Italia si è riconfermata nel 2016 in prima posizione nella classifica dei principali Paesi fornitori di macchinari e impianti del mercato tedesco, con una quota sull’import totale della Germania dall’estero del 9,1% ed un volume di 5,8 miliardi di euro (+3% rispetto al 2015).

I principali macchinari e impianti importati dalla Germania dall’estero nel 2016 appartenevano alle categorie tecnologie di trasmissione dell’energia (7,9 miliardi di euro), tecnologie per la gestione dell’aria (7.2 miliardi di euro) e valvole e raccordi
(4 miliardi di euro).

In aumento le importazioni tedesche, nell’anno in questione, di macchine per la fonderia (+22,6%), di macchine per la lavorazione e l’imballaggio alimentare (+14%), tecnologie di lavorazione di abbigliamento e pelle (+11,9%), macchine per la lavorazione del legno (11,5%) e attrezzatura per vigili del fuoco (+10,4%).

 



Prodotti tessili

Se da un lato la Germania è, dopo Cina e Italia, uno dei maggiori Paesi esportatori di prodotti tessili e dell’abbigliamento, soprattutto all’interno del Mercato Unico Europeo, dall’altro rappresenta anche un importante mercato di destinazione di prodotti del settore provenienti dall’estero. Nel 2016 le esportazioni tedesche di tessili e abbigliamento hanno raggiunto i 26 miliardi di euro mentre le importazioni tedesche del settore hanno superato i 42 miliardi di euro.

L’Italia si è aggiudicata nel 2016 il primo posto nella classifica dei principali Paesi fornitori della Germania di tessuti di lana e seta e di stoffe a maglia e il secondo posto per tessuti impregnati e spalmati, tessuti speciali e di fibre vegetali.

L’industria tedesca del tessile e dell’abbigliamento rappresenta, all’interno del panorama industriale complessivo della Germania, un settore di rilevanza minore. Prendendo, invece, in considerazione il solo settore dei beni di consumo, il segmento tessile e dell’abbigliamento si colloca in seconda posizione dopo l’agroalimentare.

Le industrie del segmento in questione si concentrano soprattutto nelle regioni tedesche della Baviera, del Baden Württemberg, della Renania Settentrionale-Vestfalia, della Sassonia e della Turingia e impiegano più di 80 mila persone (53.500 dipendenti nel settore tessile).

L’industria tessile e dell’abbigliamento in Germania ha chiuso il 2016 con un fatturato complessivo di 17,4 miliardi di euro, di cui 10,8 miliardi di euro derivavano dal settore tessile (+2,9% rispetto al 2015) e 6,6 miliardi di euro dal settore dell’abbigliamento (-3,8% rispetto al 2015).

Relativamente alla produzione e al volume delle commissioni durante il 2016, si registra una diminuzione nell’anno in questione delle commissioni del segmento abbigliamento (-2,8) ed una stagnazione della produzione (0,0%) controbilanciate da un aumento sia delle commissioni del segmento tessile (+1%) che della produzione del segmento (+1,9%).

All’interno del settore tessile tedesco, la categoria dei tessili tecnici rappresenta oggigiorno il fattore economico trainante, con un fatturato di 2,6 miliardi di euro nel 2016 (+7,7% rispetto al 2015) ed una quota sul fatturato complessivo del segmento tessile del 24%. La produzione e il numero delle commissioni nel settore dei tessili tecnici in Germania hanno registrato nel 2016 un aumento rispetto al 2015 rispettivamente del 4,2% e del 2,9%.

 

 

 



Prodotti alimentari

La Germania rappresenta il principale partner commerciale per l’Italia relativamente al comparto agroalimentare e bevande. Il volume delle importazioni tedesche dall’Italia per questo settore ha raggiunto nel 2016 i 6,8 miliardi di euro, con un aumento rispetto all’anno precedente del 5,4%. L’Italia si conferma così, dopo i Paesi Bassi, in seconda posizione nella classifica dei principali Paesi fornitori del mercato tedesco di prodotti agroalimentari e bevande.

Relativamente al solo settore agroalimentare, bevande escluse, le importazioni tedesche dall’estero di prodotti agroalimentari nell’ultimo quinquennio 2012-2016 hanno visto un aumento del 15,3%. L’Italia ha mantenuto nel periodo in questione la terza posizione nella classifica dei principali fornitori del mercato tedesco di prodotti agroalimentari.

Relativamente al segmento bevande, invece, la Germania ha registrato nel quinquennio 2012-2016 un incremento delle importazioni dall’estero per tale settore del 3,8%. In particolare, le importazioni tedesche dall’Italia hanno mostrato un aumento, nel periodo in questione, del 7,5%.

Considerando, nello specifico, le importazioni tedesche dall’estero di vino, va rilevato nel quinquennio 2012-2016 un andamento stabile del volume complessivo dell’import della Germania per questo settore, per un totale annuo di 2,4 miliardi di euro. L’Italia ha mantenuto nel periodo in questione una posizione leader nella classifica dei principali Paesi fornitori di vino per il mercato tedesco, con una quota media del 36% sull’import totale della Germania dall’estero di vini. Il potenziale di crescita per i vini italiani sul mercato tedesco è rappresentato attualmente dai vini di qualità.

Volgendo uno sguardo generale al mercato tedesco dei prodotti agroalimentari e delle bevande si possono individuare due aspetti che attualmente lo caratterizzano. Da un lato, il ruolo rilevante della grande distribuzione organizzata, in particolare dei discount, le cui strategie e politiche di vendita rispecchiano il comportamento d’acquisto del consumatore tedesco molto sensibile alle variazioni di prezzo e poco fedele al marchio. Dall’altro, la crescente attenzione del consumatore tedesco alla qualità dei prodotti acquistati e l’interesse per i prodotti biologici, ovvero non derivanti da una lavorazione industriale.

Sul versante dello scenario competitivo in Germania, si ravvisa una crescente concorrenza tra gli operatori attivi nella commercializzazione di prodotti alimentari e bevande all’interno del mercato tedesco che stimola la continua ricerca di prodotti innovativi e con un ottimo rapporto qualità/prezzo, ma determina anche una gestione più severa e strategica dell’assortimento.

All’interno del contesto sopra descritto, l’Italia, e in particolare le aziende italiane del settore agroalimentare e bevande, possono far leva sull’ampio patrimonio culinario del Paese, approfittando delle molteplici prelibatezze regionali e delle numerose certificazioni DOP e IGP per rispondere alle nuove esigenze del consumatore e degli operatori tedeschi.

 

 

 



Costruzioni

Il settore delle costruzioni in Germania ha chiuso il 2016 con un fatturato complessivo di 107 miliardi di euro (+6,3%). Le commesse, considerate solo le imprese edili con oltre 20 dipendenti, hanno visto nel 2016 un aumento del 14,6% rispetto all'anno precedente. Il numero delle concessioni edilizie rilasciate per edifici abitativi e ad uso non abitativo ha mostrato un incremento nel 2016 del 21,6% rispetto al 2015.

L’industria edile in Germania occupa 2,7 milioni di lavoratori. Di questi 477.000 sono impegnati nel segmento immobiliare e abitativo, 804.000 nel segmento delle costruzioni, 1,1 milioni di lavoratori nei lavori di costruzione specializzati. Nel biennio 2015/2016 erano attivi in Germania 128.000 architetti e 144.000 ingegneri edili.

Attualmente il fattore trainante dell’industria delle costruzioni in Germania è costituito dall’edilizia abitativa, a causa dell’elevata domanda all’interno del mercato tedesco di nuove abitazioni. Ulteriori impulsi derivano dal segmento delle infrastrutture. Il piano di investimento del Ministero Tedesco dei Trasporti prevede l’allocazione di 265 miliardi di euro entro il 2030 per la modernizzazione delle infrastrutture, soprattutto nell’ambito ferroviario e stradale.

Il trend verso la digitalizzazione industriale, attraverso, ad esempio, l’impiego di robot o stampanti 3D in cantiere, e verso il risanamento energetico di molti edifici in Germania costituiscono ulteriori segmenti di crescita per l’industria edile tedesca. Il 37,6% degli appartamenti di nuova costruzione in Germania viene riscaldato attraverso impianti che utilizzano energia rinnovabile (dati 2016). Il 52,9% degli edifici abitativi è, invece, dotato di riscaldamento a gas. Altro elemento di potenziale crescita nel settore edile riguarda il tema del riciclo di materiali edili.

Il “green building” trend ha effetti non solo sull’andamento dell’industria abitativa in sé, ma anche sul connesso mercato dei materiali edili. La domanda in Germania per materiali ecosostenibili è in aumento. Al momento, molto richiesti sono materiali in legno innovativi e nuove tipologie di calcestruzzo. Oggigiorno, circa un’abitazione mono o bifamiliare su sette di nuova edificazione è costruita con il legno. La tendenza potrebbe lentamente estendersi ai condomini.

Il fenomeno della globalizzazione delle reti commerciali interessa oggigiorno sempre più anche il settore edile tedesco, ed in particolare il settore dei materiali da costruzione. Non solo le importazioni tedesche da oltreoceano sono aumentate, ma anche la varietà dei materiali presenti in Germania ha subito forti cambiamenti. Il mercato domestico è ormai diviso tra prodotti ad alto prezzo e merci di massa a prezzi bassi.

La diminuzione dei prezzi, provoca sia un calo dei guadagni per i produttori di materiali edili, sia una maggiore selezione da parte di architetti e progettisti degli articoli disponibili sul mercato. 

In tale contesto l´industria italiana, al fine di poter competere sul mercato internazionale, e sul mercato tedesco in particolare, deve adottare una strategia di marketing che miri a suscitare l´interesse del potenziale acquirente, facendo conoscere a quest'ultimo, consumatore finale, distributore o architetto, la qualità dei prodotti e del design made in Italy. 

L´offerta italiana di materiali edili in Germania si posiziona sui segmenti di fascia alta e luxury puntando su qualità, tradizione e innovazione tecnica e stilistica, attraverso continui investimenti nella ricerca e sviluppo del prodotto.

Tra i canali di distribuzione di materiali edili in Germania, oltre ad architetti, costruttori edili, imprese appaltatrici e grossisti, i centri Fai-da-te rappresentano un segmento molto sviluppato e spesso gestito attraverso grandi gruppi d´acquisto. Le 30 principali aziende del settore DIY (Do-it-yourself) in Germania hanno registrato nel 2016 un fatturato di 36 miliardi di euro (+4,12% rispetto all´anno precedente).

 

 

 



Ultimo aggiornamento: 11/07/2017^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché GERMANIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in GERMANIA

AMBASCIATA BERLINOCONSOLATO GENERALE COLONIA (Nord Reno)CONSOLATO DORTMUND (Nord Reno)CONSOLATO GENERALE DI PRIMA CLASSE FRANCOFORTE SUL MENO (Assia)CONSOLATO FRIBURGO (Brisgovia)CONSOLATO GENERALE HANNOVER (Bassa Sassonia)CONSOLATO GENERALE DI PRIMA CLASSE MONACO DI BAVIERACONSOLATO GENERALE STOCCARDA (Baden-Wuerttemberg)