Dove investire


Energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (anche da fonti rinnovabili)

Si prevede che nel 2035 il Brasile sarà uno dei paesi autosufficienti in campo energetico, leader nell’esplorazione di petrolio in acque profonde e dotato di una ampia rete di fonti rinnovabili, che lo collocheranno in una posizione strategica nel pianeta. Lo scenario tracciato fa parte dello studio denominato World Energy Outlook svolto dalla AIE (Agenzia Int.le dell’energia), che informa come la domanda mondiale di energia aumenterá di un terzo fino al 2035 trainata prevalentemente dal fabbisogno di Paesi come la Cina, l’India, l'Africa, il Medio Oriente ed il Sud Est asiatico. Secondo Ernst&Young, nel 2015 il Brasile sale al 10° posto (12° nel 2014) nel ranking dei mercati maggiormente attrattivi rispetto all'energia pulita e continua a detenere un ruolo di rilievo nello scenario globale delle energie rinnovabili. Per l'asta di energia elettrica svoltasi in agosto 2015, con consegna a partire dal 2018, la EPE (Impresa di ricerche energetiche) ha approvato 371 progetti per un totale di  9.594 MW.  I progetti sono cosí suddivisi:  338 energia eolica (8.328 MW); 17 piccole centrali idroelettriche (184 MW); 13 termoelettriche a biomassa (612 MW) e 3 termoelettriche a gas naturale (417 MW). Gli stati di Bahia e Rio Grande do Norte sono quelli interessati dal maggior numero di progetti eolici (106 ciascuno), seguiti dallo stato di Ceará (58 progetti). In considerazione della prospettiva di un aumento dell’offerta di gas naturale derivante principalmente dalle possibilitá di sfruttamento della falda del prè-sal nei prossimi anni, i principali distributori di energia elettrica stanno investendo in un nuovo ramo, riguardante la gestione e la commercializzazione di gas naturale. In accordo con il Piano decennale di espansione dell’energia 2023 (PDE), che si prefigge di arrivare a produrre 134,31 milioni di metri cubi di gas naturale nei prossimi sette/otto anni, tale produzione ha registrato nel novembre 2015 una media di 94,2 milioni di metri cubi giornalieri (+19,2% rispetto allo stesso periodo del 2014, con 79,06 milioni di metri cubi giornalieri). Lo studio fatto dalla EPE indica anche che la domanda di energia in Brasile crescerà in dieci anni da 82,5 milioni di metri cubi giornalieri a 127,7. Considerando soltano la domanda dell'industria si stima che, entro il 2023, si passerà da 32,2 a 54,3 milioni di metri cubi. Il Ministério de Minas e Energia ha creato recentemente un gruppo di lavoro per studiare gli incentivi volti ad incoraggiare l'installazione di pannelli solari in tutto il Brasile. 


Principali aziende del settore

ELETROBRAS
Sito Internet: www.eletrobras.com
CPFL ENERGIA
Sito Internet: www.cpfl.com.br
CEMIG
Sito Internet: www.cemig.com.br
ENEL GREEN POWER
Sito Internet: www.enelgreenpower.com
NEOENERGIA
Sito Internet: www.neoenergia.com


Macchinari e apparecchiature

ATTREZZATURE MEDICALI ED OSPEDALIERE. La domanda di servizi medico ospedalieri é aumentata del  6,3% durante il 2015 e i nuovi tesserati a programmi di assistenza sanitaria privata sono 50,8 milioni. La regione che ha registrato il maggior aumento di tesserati è stata quella del centro ovest. Molti ospedali hanno avviato programmi di espansione al fine di aumentare la propria capacità ricettiva e dotarsi di attrezzature con tecnologie di punta. Secondo ANAHP (Associazione nazionale degli ospedali privati), sono presenti nel paese 71 ospedali privati con un fatturato di circa 6 miliardi di US$. Nel 2015 sono state realizzate circa 6 milioni di visite mediche tramite il medico di famiglia e circa 5 milioni di visite mediche ambulatoriali. Sono state realizzate circa 42 milioni di analisi mediche, circa 900 mila ricoveri e circa 700 mila interventi chirurgici. Sono reperibili negli ospedali privati intorno a 70 mila tipi di materiali, dispositivi medicali e medicine. Oltre l'80% dei dispositivi medicali sono importati: il 56% dagli Stati Uniti, il 18% dall'Europa ed i rimanenti 18% dal Giappone. Anche il business dei laboratori di diagnostica é cresciuto molto negli ultimi tempi, poiché questi investono massicciamente in tecnologia e nell'apertura di nuove unitá. Anche l’odontologia segue il cammino dell’innovazione: il Brasile è il primo paese al mondo per numero di dentisti (circa 240.000 quelli in attività); sono presenti 197 facoltà di odontologia ed ogni anno vengono formati circa 10.000 nuovi dentisti, con un rapporto di 1 ogni 830 abitanti. Il successo degli impianti dentari e l’adesione ai piani privati di salute per l’odontologia, come riflesso della crescente preoccupazione per la salute della bocca, ha esercitato una forte pressione sull’uso delle tecnologie di ultima generazione negli studi e nelle cliniche del settore in tutto il Brasile. Motore trainante delle attrezzature high-tec è la tecnologia 3D, che con il sistema CAD/CAM ha messo a disposizione dei professionisti del settore un modello di scanner di alta precisione. L’Italia, paese all’avanguardia per le tecnologie avanzate, può certamente competere per divenire fornitore del Brasile. Per essere commercializzati nel paese, tutti i prodotti del settore della salute devono essere registrati presso l’ANVISA – Agenzia Nazionale di Vigilanza Sanitaria.


Principali aziende del settore

GER-AR COM PRODUTOS MÈDICOS LTDA
Sito Internet: www.gerarmed.com.br
CUTLITE DO BRASIL
Sito Internet: www.cutlite.com.br
FIAC Compressores de ar do Brasil Ltda
Sito Internet: www.fiacbrasil.com.br
BAUMER
Sito Internet: http://www.baumer.com.br/
BIOMECANICA
Sito Internet: www.biomecanica.com.br/


Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria

AEROSPAZIO E DIFESA. Questo settore sta ricevendo un grande impulso da parte del Governo Federale e dei Governi Statali: il budget brasiliano a favore del settore aerospazio e difesa, con 31,9 mld di dollari americani nel 2015, rappresenta il 44,1% della spesa totale per la difesa nell’America Latina. Tale cifra, equivalente all’1,4% sia del PIL nazionale che del budget globale per i sistemi di difesa, pone il Brasile nella 15° posizione nella graduatoria mondiale. La “Associação Brasileira das Indústrias de Materiais de defesa e Segurança” (ABIMDE) informa che le sue associate, che rappresentano la maggior parte delle industrie brasiliane attuanti nel settore della difesa, hanno esportato nel 2015 circa 5,8 miliardi di dollari, cifra in crescita del 3%  rispetto all’anno precedente. Si tratta di un valore contenuto se comparato con la dimensione del mercato mondiale, stimato in 1.300 miliardi di dollari (0,45%), ma che si prospetta in forte crescita nei prossimi anni, particolarmente a causa degli accordi di collaborazione con altri paesi che prevedono il trasferimento di tecnologia, in modo da rendere più competitiva l’industria brasiliana nei confronti di altre realtà esportatrici.    


Principali aziende del settore

EMBRAER
Sito Internet: WWW.EMBRAER.COM
HELIBRAS
Sito Internet: WWW.HELIBRAS.COM.BR
AVIBRAS
Sito Internet: WWW.AVIBRAS.COM.BR
AVIO DO BRASIL
Sito Internet: WWW.AVIOGROUP.COM
AGUSTA WESTLAND
Sito Internet: www.agustawestland.com


Amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria

Per il settore dei macchinari in generale, il vantaggio tecnologico di cui godono le imprese italiane rispetto alla concorrenza genera opportunità di business. Tali comparti necessitano, infatti, di trasferimenti di know-how e di continui aggiornamenti delle tecnologie già esistenti. In alcuni casi si tratta di comparti per i quali l'industria locale è in espansione, per cui è necessario reperire pezzi di ricambio o disporre di servizi after market. L'Italia, con una quota di mercato del 7,8%, è il quarto esportatore di meccanica per il mercato brasiliano, soprattutto di componentistica, tenuto conto anche del permanere di alte tariffe doganali in entrata e gli elevati costi di trasporto. La meccanica italiana, comunque, ha saputo tenere testa sia ai concorrenti asiatici sia agli altri competitor occidentali, sfruttando la sua capacità di essere flessibile rispetto alle richieste della clientela locale. Nel 2015 le importazioni brasiliane del settore, provenienti dall’Italia, hanno raggiunto circa 1,4 miliardi di Euro. I comparti principali sono i seguenti: macchine agricole, alimentari ed imballaggio, macchine lavorazione metalli, vetro, plastica, pietre naturali, macchine per fonderie, macchine per calzature e concerie, macchine tessili, etc. AUTOMOTIVE:  Questo comparto, insieme alla componentistica auto, nonostante sia momentaneamente in crisi, è tuttora tra i più grandi del mondo, con previsione di un nuovo boom di crescita nei prossimi tre anni.


Principali aziende del settore

IVECO BRASIL
Sito Internet: WWW.IVECO.COM.BR
Cavanna Máquinas e Sistemas para Embalagens Ltda
Sito Internet: www.cavanna.com
WEG
Sito Internet: www.weg.net.br
FIAT
Sito Internet: www.fiat.com.br
Bottero do Brasil Máquinas para Vidro


Ultimo aggiornamento: 18/09/2017^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché BRASILE Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia