Dove investire


Costruzioni

Tra i principali ostacoli individuati allo sviluppo economico palestinese, vi e' l'assenza di adeguate infrastrutture. Numerosi sono i bandi finanziati principalmente da istituzioni finanziarie internazionali per la progettazione e la realizzazione di opere di pubblica utilita' nel settore elettrico, incluse le energie rinnovabili, idrico, incluso il trattamente delle acque reflue, e delle vie di comunicazione. Solo per fare un esempio, e' previsto un prossimo bando di oltre 400 milioni di dollari per la realizzazione di un dissalatore a Gaza.


Principali aziende del settore

Consolitated Constructor Company
Sito Internet: http://www.ccc.me/
Contatti: Sami Musleh smusleh@ccc.com.ps
Palestine Constructor Union
Sito Internet: www.pcu.ps
Contatti: pcuquick@palnet.com
Engineers Association
Contatti: Ing. Nadi Elayyan elayyan@paleng.org


Prodotti alimentari

L''industria alimentare palestinese esporta principalmente verso i mercati dei Paesi arabi, sopratutto olio di oliva e prodotti alimentari cd.di  'produzione equa'. Il valore totale stimato degli investimenti effettuati nel comparto e' pari a USD 480 milioni. Circa il 5-10% dei macchinari usati dall'industria alimentare palestinesi  sono di produzione italiana, essi vengono utilizzati sopratutto per l'imbottigliamento, il packaging, l'inscatolamento, il  riciclaggio e per la lavorazione dei prodotti alimentari. Nel 2011 il valore totale delle esportazioni alimentari palestinesi sul mercato italiano e' stato pari a circa USD 6,4, nello stesso anno gli Stati Uniti hanno importato dai Territori palestinesi prodotti alimentari per un valore pari a USD 871 milioni. Sul totale delle esportazioni alimentari palestinesi, pari a USD 13.1 milioni , l'Italia ha importato prodotti per un valore pari a USD 614 mila.

Con l'esclusione dei panifici, vi sono 224 imprese operanti nel settore alimentare, la forza-lavoro impiegata dal settore e' pari a circa 8mila occupati direttamente e 28mila occupati nell'indotto. Il settore contribuisce alla formazione del PIL con il 5% sul totale della ricchezza. Molte delle imprese del comparto sono dotate della certificazione ISO e HACCP e il 95% dei prodotti alimentari palestinesi possiede le caratteristiche richieste dalle specifiche dell'Istituto palestinese per gli Standard. Molte imprese sono altresi' dotate dei certificati internazionali HACCP e ISO 22000.

 


Principali aziende del settore

Siniora
Sito Internet: http;//www.
Contatti: CONTACT PERSON:
Golden Wheat Mills
Sito Internet: http://www.gwmc.ps
Contatti: Bassam Walweel
Email: info@gwmc.ps
Al Jebrini Company for Dairy and Food Industries
Sito Internet: http://www.al-jebrini.com
Contatti: Jehad Jibreini
Email: info@al-jebrini.com
Al Juneidi Company for Dairy and Food Stuff Ltd.
Sito Internet: http://www.aljuneidi.com
Contatti: Mashhour Abu Khalaf
Email: info@aljuneidi.com
Sinokrot Food Company
Sito Internet: http;//www.sinokrot.com
Contatti: Eng. Mazen Sinokrot
Email: ceo@sinokrot.com


Servizi di informazione e comunicazione

Il comparto dell'ICT e' caratterizzato da un elevato grado di dinamicita' e sia in virtu' dell'elevato tasso di crescita che lo ha contraddistinto negli ultimi anni che per la forza-lavoro particolarmente qualificata, costituisce uno dei settori con maggiori potenzialita' dei Territori palestinesi.

Circa 8mila studenti sono attualmente iscritti nelle 13 universita' che offrono corsi di laurea ICT e circa 2550 studenti raggiungono la laurea annualmente. Il comparto riesce ad assorbire i lavoratori specializzati e  occupa direttamente  5mila lavoratori oltre ai 15 mila lavoratori occupati nel'industria dell'indotto. Circa la meta' delle imprese che operano nel settore si occupano di sviluppo di software, consulenze e servizi online. Le infrastrutture del comparto presentano un elevato grado di sviluppo. Una parte rilevante degli "internet providers" sono giordani, egiziani o inglesi. Inoltre, circa la meta' delle imprese che operano nel settore hanno sottoscritto accordi di collaborazione con imprese estere e il 30% delle imprese palestinesi nell'ICT esportano prodotti e servizi. Tra i principali partner esteri per le attivita' di  ricerca  figurano CISCO, INTEL, HP e Microsoft. I pricipali mercati di sbocco sono gli Stati Uniti, il Canada, e i Paesi del Medio Oriente e del Golfo. L'ICT presenta uno dei piu' alti tassi di crescita dell'economia palestinese. Nel 2009 il tasso di crescita registrato e' stato pari all'8%, nell'anno successivo il tasso e' stato del 10%. Il valore stimato del comparto e' pari a USD530 milioni e esso contribuisce alla formazione di circa l'8% del PIL. Le proiezioni di crescita del settore stimano che nei prossimi anni il comparto manterra' un tasso di crescita pari al 10% su base annua.

Tra i fattori che hanno determinato lo sviluppo e l'espansione dell'ICT in Palestina vi sono una forza-lavoro altamente qualificata e la prossimita' ai centri israeliani di tecnologia. Il valore totale delle importazioni registrate sul mercato palestinese di provenienza italiana nel 2011 e' pari a USD 979mila, nello stesso anno gli Stati Uniti hanno esportato beni sul mercato palestinese per un valore pari a USD 51.8milioni. Sempre nel 2011 il valore totale delle esportazioni paelstinesi ICT sui mercati globali e' stato pari a USD 4.91 milioni. L'Italia non e' uno dei mercati di destinazione delle esportazioni palestinesi.


Principali aziende del settore

Palestinian Cellular Communications Company - Jawwal
Sito Internet: http://www.jawwal/ps
Contatti: Ammar Al-Aker
Email: jawwal@jawwal.ps
Modern Tech Corporation (MTC)
Sito Internet: http;//www/mtc.ps
Contatti: Rassem F. Mushtaha
Email: mtc@mtc.ps
Al Wataniyya
Sito Internet: http;//www.
Contatti: CONTACT PERSON
Hadara Technologies
Sito Internet: http://www.hadara.ps
Contatti: Rami Shamshoom
Email; info@hadara.ps
Hulul Business Solutions
Sito Internet: http://www.hulul.com
Contatti: Mustafa Hasan
Email: info@hulul.com


Prodotti delle miniere e delle cave

I Territori palestinesi dispongono di marmo e pietre di buona qualità e in abbondanza. Recentemente campioni della pietra e del marmo qui estratti sono stati testati in laboratori italiani e i risultati ottenuti sono stati pubblicati in un catalogo contente i prodotti prveneinti da tutte le principali cave palestinesi.

IQuello della pietra e del marmo e' il principale comparto industriale nei Territori palestinesi e vi operano 1124 imprese. Il comparto vanta anche il maggior numero di occupati. Si stima che il numero totale di lavoratori impiegati sia attorno a 8mila. Le imprese del comparto sono distribuite su tutto il territorio palestinese con una concentrazione di imprese nelle aree di Betlemme e di Hebron. Il comparto contribuisce con il 5% alla formazione del PIL.

I macchinari di provenienza italiana sono i piu' largamente usati nel comparto sopratutto per la lavorazione del  marmo e della pietra grezzi. Di contro, l'Italia importa materiali per la costruzione dai Territori palestinesi. In questo comparto il grado di complementarieta' tra il sistema economico palestinese e quello italiano, e' estremamente elevato e vi sono margini per un'ulteriore crescita. Da segnalare che molte imprese lavorano con macchinari oramai obsoleti e sarebbero intenzionate ad acquistare nuovi macchinari che possano garantire un prodotto maggiormente corrispondente ai requisiti di qualita' richiesti dai consumatori esteri.

 


Principali aziende del settore

Al Saheb Company for Stone and Marble
Sito Internet: http://www.asaheb.net
Contatti: Muhammad Ehsan Al Saheb
Email: info@alsaheb.net
Yaboos Stone Company
Sito Internet: http://www.yaboosstone.com
Contatti: Mahmoud Razzouq
Email: info@yaboosstone.com
Nassar Stone Investment and General Contracting
Sito Internet: http://www.nassarstone.com
Contatti: Wafaa Nassar
Email: info@nassarstone.com
Verona for Marble
Sito Internet: http://www.ver-ona.com
Contatti: Akram Bader
Email: verona@p-ol.com
Halaika Marble and Stone Industries Ltd.
Sito Internet: http://www.halaikastones.com
Contatti: Issa Halaika
Email: halaika@halaikastones.com


Articoli in pelle (escluso abbigliamento) e simili

Fino a circa un decennio fa il comparto veniva considerato uno dei volani della crescita dell'industria palestinese. Il comparto aveva una capacita' produttiva annua di circa 13 mila paia di scarpe, con Hebron quale principale centro produttivo. Le calzature provenienti da lì provenienti sono particolarmente apprezzate per l'alto livello della loro manifattura ma nel tempo l'industria ha perso la capacita' di re-inventarsi e di produrre nuovi modelli adatti ai mercati esteri. I produttori di Hebron stanno ora guardando all'Italia per avviare nuove forme di collaborazione per superare questa criticita' che ha pesantemente inciso sulla capacita' di esporre i prodotti calzaturieri palestinesi.

Nel 2011 (ultimi dati disponibili) il valore totale delle esportazioni italiane registrate e' stato pari a USD 217mila, cio' a fronte dei USD 26 milioni esportati sul mercato palestinesi dagli Stati Uniti. Nel 2011 le esportazioni palestinesi del comparto hanno registrato un valore pari a USD 37 milioni di cui USD 91mila sono stati esportati sul mercato italiano.

Attualmente, nel comparto operano 230 imprese che impiegano circa 2500. Il valore degli investimenti effettuati ha segnato un marcato declino, passando da una punta di USD 220 milioni registrata negli anni recenti a USD 70 milioni, secondo gli ultimi dati disponibili.

Le principali criticita' che hanno condotto al declino del comparto, oltre alla concorrenza dei prodotti cinesi, sono l'obsolescenza di molti dei macchinari ancora utilizzati e la necessita' dell'industria di rivedere i propri processi introducendo l'uso delle nuove tecnologie e dei programmi computerizzati per la programmazione della produzione.

Tuttavia, a partire dallo scorso anno, il settore ha registrato segnali di ripresa, soprattutto grazie all'aumento dei costi di produzione della concorrenza cinese e al mantenimento di un buon livello di qualità delle produzioni locali, effettuate essenzialmente con macchinari italiani. Ciò ha anche rivitalizzatzo l'interesse degli investitori stranieri (israeliani e tedeschi in primis).

Per le imprese italiane vi sono dunque numerose opportunita' di esportazione di porodtti semi-lavorati e macchinari e di costituzione di joint-ventures con le imprese palestinesi del comparto.


Principali aziende del settore

Falcon Shoe Manufacturing Company
Sito Internet: http://www.falcon shoes.net
Contatti: Mohammad D. Da'ana
Email: info@falconshoes.net
New Tossetti Company
Sito Internet: http://www.tossetti.com
Contatti: Farhat A. Siyaj
Email: tossetti shoes@yahoo.com
Al-Badawi Tanning Company
Sito Internet: http://www.al-badawi.ps
Contatti: Ribhi B. Za'atari
Email: rebhe-1963@hotmail.com
Pama Forza Investment Company
Sito Internet: http://www.pamaforza.com
Contatti: Mahmoud M. Ebiedo
Email: pama-company@hotmial.com
Al-Khalil Leather Tanning Factory
Sito Internet: http://www.netscabe.net
Contatti: Noriddin Y. Za'atari
Email: mabilzttari@netscabe.net


Ultimo aggiornamento: 17/01/2017^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché TERRITORI PALESTINESI Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in TERRITORI PALESTINESI