Barriere tariffarie e non tariffarie (BOSNIA ED ERZEGOVINA)

Market Access Database della Commissione Europea

Barriere tariffarie e non tariffarie
Barriere tariffarie

Non si registrano dazi, contingenti o altre misure aventi un effetto limitativo sulle importazioni di prodotti italiani. Si registra piuttosto una tendenza alla liberalizzazione.

Barriere non tariffarie

Alcune autorizzazioni sono richieste per l’importazione di alcuni beni in Bosnia-Erzegovina. In particolare, per l’introduzione di prodotti relativi al ciclo riproduttivo o alla salute di animali e piante è richiesto un permesso dei Ministeri dell’Agricoltura delle due Entità (Federazione di Bosnia Erzegovina e Repubblica Srpska). Per l’importazione di narcotici, medicine e prodotti ematologici è richiesta l’approvazione dei Ministeri della Salute delle due Entità e del Ministero per il Commercio con l’Estero a livello statale. Simili vincoli sono vigenti anche per l’importazione di esplosivi e materiale di armamento. Rileva poi segnalare come il contingente per l’autotrasporto di merci, stabilito annualmente nel quadro delle previsioni del relativo accordo bilaterale, risulti tuttora insufficiente a soddisfare la domanda degli operatori italiani e bosniaci.

 

 

Ultimo aggiornamento: 19/09/2016^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché BOSNIA ED ERZEGOVINA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in BOSNIA ED ERZEGOVINA

AMBASCIATA SARAJEVO