Barriere tariffarie e non tariffarie (ISRAELE)

Market Access Database della Commissione Europea

Le relazioni commerciali tra Israele e l’Unione Europea sono disciplinate dall’ EU-Israel Association Agreement, accordo di associazione entrato in vigore nel 2000 nel quadro della partnership Euro-Mediterraneo, che prevede il rafforzamento della stabilità politica e dello sviluppo economico.

Nel complesso Israele sostiene la facilitazione degli scambi commerciali con l’Ue, aspetto che ha contribuito a istituire una solida relazione commerciale e a favorire l’accesso al mercato di un sempre maggior numero di imprese europee. Fa eccezione tuttavia il settore agroalimentare e quello fitosanitario, in cui spesso si rileva la presenza di barriere e complicate procedure di standardizzazione. Per quanto riguarda il settore carni, Israele vieta l’importazione di carne e pollame non-kosher, ad eccezione di un quantitativo annuale di 1200 tonnellate. Secondo la legislazione israeliana, infatti, tutta la carne importata, deve essere certificata dal Rabbinato centrale e controllata negli stabilimenti di macellazione stranieri da personale proveniente da Israele. Al fine di ridurre i costi per il consumatore finale e aumentare la competizione, nel 2016 Israele ha manifestato interesse ad importare carne da Paesi della UE che rispettino i requisiti della Kasherut certificati dal Rabbinato di Gerusalemme.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 19/01/2018^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché ISRAELE Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in ISRAELE