Aspetti Normativi (REP.CECA)

ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI

Ordinamento degli scambi

Sdoganamento e documenti d’importazione: regolato con il decreto del Consiglio dell’Unione Economica Europea 2913/92 e il decreto della Commissione dell’Unione Economica Europea 2454/93. Sono necessari i seguenti documenti d’importazione: documento attestante il prezzo della merce, fattura, altri eventuali documenti in base alle prescrizioni specifiche relative ad alcuni settori e, infine, speciali permessi, attestati, licenze secondo la tipologia di beni importati.

Classificazione doganale delle merci: tariffario doganale (riformulato con decreto 200/2005).

Restrizione alle importazioni: secondo normative comunitarie.

Importazioni temporanee: consentite per operazioni di assemblaggio della merce, modifica o montaggio; immagazzinamento temporaneo etc. Le condizioni aderiscono alle prescrizioni comunitarie.

 

Attività d’investimento e insediamenti produttivi nel Paese

Normativa per gli investimenti stranieri: in base all’attuale Programma nazionale di incentivi agli investimenti, le agevolazioni principali si concretizzano nel sostegno alla produzione industriale per nuove produzioni o espansioni (L.72/2000 e successive modifiche). I criteri di concessione e la tipologia dei finanziamenti variano in base al settore e alla zona geografica di insediamento e sono aggiornati con cadenza semestrale. I principali strumenti di agevolazione previsti sono i seguenti: esenzioni del dazio e IVA per l’importazione di macchinari e attrezzature, sovvenzione per la creazione di nuovi posti di lavoro, sovvenzioni per il training del personale, accesso a terreni edificabili a prezzi ridotti, creazione di zone o parchi industriali. Linee particolari sono dedicate a investimenti volti alla realizzazione di centri di assistenza clienti, di servizi condivisi, (inclusi quartieri generali di compagnie multinazionali), centri di sviluppo software, telecomunicazioni, elettronica e high-tech. Inoltre, per quanto riguarda il periodo 2014-2020, la Repubblica Ceca dispone di un budget di mld/€ 24 di cui 4,3 riservati ai programmi per le PMI.

Per il periodo di programmazione dei fondi strutturali 2014-2020 sono previsti 20 programmi operativi, di cui uno dedicato esclusivamente allo sviluppo imprenditoriale delle PMI, denominato Programma operativo impresa e innovazione per la competitività. L’ente nazionale preposto dal Ministero del Commercio e dell’Industria alla gestione esclusiva dei finanziamenti per le PMI è l’agenzia API (Agenzia per l’imprenditoria e l’innovazione, https://www.agentura-api.org/) in stretta collaborazione con Czechinvest (www.czechinvest.cz).

Legislazione societaria: la legislazione societaria ha subito delle modifiche importanti, a partire dal 1.1.2014 (con l’introduzione del nuovo Codice civile e Codice commerciale). In riferimento alle società, sono da segnalare in particolare: la legge n. 89/2012 Racc., del codice civile (di seguito CC); la legge n. 90/2012 Racc., sulle corporazioni commerciali (di seguito LCC); le legge n.304/2013 Racc., sui pubblici registri delle persone giuridiche e fisiche (di seguito LPR). Il nuovo Codice civile contiene 3.081 paragrafi ed è suddiviso in cinque parti: parte generale; diritto di famiglia; diritti patrimoniali assoluti; diritti patrimoniali relativi; disposizioni comuni, transitorie e conclusive. Uno dei suoi principi fondamentali è il principio di legalità, secondo il quale le parti di un rapporto giuridico possono creare, regolare oppure estinguere diritti e doveri in piena autonomia, qualora la legge non lo vieti espressamente. È rafforzata la tutela dei diritti della persona (vita, salute, libertà, reputazione, onore, riservatezza etc.). La parte del vecchio Codice commerciale dedicata alle società commerciali e alle cooperative, oggi chiamate “corporazioni commerciali”, è stata trasmessa, modificata e completata nella LCC che, tuttavia, non contiene tutte le disposizioni necessarie e bisogna far riferimento anche ad altre norme.

La LPR comporta alcune modifiche fondamentali per i pubblici registri presenti in Repubblica Ceca (ad esempio la modifica dei dati iscritti obbligatoriamente, l’aggiunta della possibilità di far iscrivere anche dei dati facoltativi, l’autorizzazione dei notai a eseguire l’iscrizione ai pubblici registri, ecc.). Il funzionamento stesso delle corporazioni commerciali si attiene alle disposizioni di varie norme, come le disposizioni che riguardano le persone giuridiche, presenti nel codice civile (art. 118-209 CC), passando per le norme comuni a tutte le corporazioni commerciali e non (art. 210-213 CC), e per quelle che regolano le associazioni, fino alle disposizioni della LCC stessa – sia quelle generali (art. 1-94 LCC) che quelle speciali, per ogni forma di corporazione commerciale (S.n.c., S.a.s., S.r.l., S.p.a. e le cooperative di diversi tipi).


Brevetti e proprietà intellettuale

Il Paese ha sottoscritto le Convenzioni universali di Parigi e di Berna su marchi e copyright. La legislazione in vigore garantisce la protezione per tutte le tipologie di brevetti, marchi e modelli di utilità. Le leggi sul copyright e sui marchi commerciali sono allineate alla normativa europea.

 

Anno fiscale: 1 gennaio - 31 dicembre

 

IMPOSTE[1]

Persone giuridiche

Flat tax 19% (5% per fondi d’investimento e fondi pensione)

Persone fisiche

Flat tax 15% (+7% contributo di solidarietà per redditi alti).

Accise

Su petrolio e derivati, alcol e tabacco

Di circolazione

Da 1.200 a 4.200 CZK automobili aziendali

Da 1.800 a 50.400 CZK mezzi pesanti

Immobiliari

Variabili in base al tipo, all’uso, alla localizzazione

Sul trasferimento degli immobili

Flat tax 4%

Su successioni per eredità e donazioni

Dal 1.1.2014 imposta sul reddito

 

Imposta sul valore aggiunto (VAT): 10% (libri, alimenti per bambini, alcuni farmaci), 15% (alimentari, libri e servizi medici), 21% (beni e servizi).

Nel novembre 2018 il Ministro del Lavoro ha annunciato il piano per una nuova legislazione che aumenterebbe il salario minimo attuale automaticamente. La proposta sarà esaminata dai legislatori durante il 2019. Il governo dovrebbe emendare l’Investment Incentive Act  (Legge 72/2002), con un nuovo sistema di supporto che dà priorità a progetti con elevato valore aggiunto. Cambiamenti importanti includono la riduzione di alcuni investimenti minimi e l’introduzione di requisiti per la creazione di lavoro. Inoltre, la normativa ceca sui cambi è in conformità con il quadro Europeo e del Fondo Monetario Internazionale e la legge di riferimento è la No. 528/1990, come emendata dalle No 228/1992 e 219/1995. La Repubblica Ceca ha inoltre implementato la Direttiva europea che previene l’utilizzo del sistema finanziario per il riciclaggio di denaro. Grazie a questa Direttiva, tutte le società ceche devono tenere registri sui più recenti titolari effettivi dal gennaio 2019.  

 

 

 

 

 


[1] Fonte: Czechinvest (www.czechinvest.org)

 

 

Business Atlas 2018: Guida agli Affari in 55 mercati per il business italiano a cura delle Camere di Commercio italiane all'estero.
Ultimo aggiornamento: 29/07/2019^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché REP.CECA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in