Aspetti Normativi (MALTA)

ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI

 

Regolamentazione degli scambi

Sdoganamento e documenti di importazione: sono in vigore le norme europee per lo scambio merci. Solo prodotti non originari dell'UE devono viaggiare accompagnate dal Mod. EUR e della fattura CIF, sul cui importo viene calcolata l’IVA al 18% o l’Excise duty, applicata sui prodotti di cui Malta intende limitare l’importazione (tabacchi, alcolici, etc.)

Classificazione doganale delle merci: Nomenclatura  Combinata

Restrizioni alle importazioni: divieto assoluto di importazione di prodotti d’imitazione, materiale osceno, armi e droghe. Richiesta licenza di importazione per piante, animali (compresi cani, gatti e volatili domestici), esplosivi, carni bovine, pollame e loro derivati, apparecchiature di trasmissione radio. Generalmente tali restrizioni sussistono per la tutela della salute e dell’ambiente

Importazioni temporanee: ammesse per un periodo iniziale di 3 mesi (con deroghe) fino ad un massimo di un anno

 

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese

Normativa per gli investimenti stranieri: Il regime è focalizzato sulla capacità di attrarre nuovi progetti di investimento e promuovere l'espansione o diversificazione delle imprese esistenti. Strumento di riferimento è il Business Promotion Act, che prevede una serie di incentivi a favore degli investimenti esteri tra cui l’esenzione fiscale decennale per le imprese che esportano il 95% della produzione. Gli incentivi a favore delle imprese sono gestiti da Malta Enterprise e regolati dal Malta Enterprise Act-Investment Aid Regulation. Tali incentivi mirano a sostenere le imprese negli investimenti e nella creazione di nuovi posti di lavoro

Legislazione societaria: secondo il Companies Act (1995), tutte le società devono registrarsi presso il Registro delle Imprese, che opera in seno al Malta Financial Services  (MFSA)

 

Brevetti e proprietà intellettuale

Il Patents Act (cap.417) e l’Intellectual Property Rights (Cross-Border Measures) Act (cap.414) regolano rispettivamente la registrazione e la protezione dei brevetti e i diritti di proprietà intellettuale.

 

Sistema fiscale

Sistema di tassazione su base mondiale. Per effetto della convenzione, sui dividendi, royalties ed interessi corrisposti ai residenti in Italia si applica una ritenuta d’imposta rispettivamente dello 0% e del 15%.

Anno fiscale: 1 gennaio –  31 dicembre

 

              Imposta sui redditi delle persone fisiche (€)

0 - 9100

0%

9.101 - 14.500

15%

14.501 – 60.000

25%

Oltre 60.001

35%

 

    Imposta sui redditi delle persone coniugate (€)

0 - 12.700

0%

12.701 - 21.200

15%

21.201 - 28.700

25%

28.701 - 60.000

25%

Oltre 60.001

35%

 

 

                    Imposta sui redditi dei genitori (€)

0 - 10.500

0%

10.501 - 15.800

15%

15.801 - 21.200

25%

21.201 - 60.000

25%

Oltre 60.001

35%

 

 

   Imposta sui redditi delle persone non residenti (€)

0 - 700

0%

701 - 3.100

20%

3.101 - 7.800

30%

Oltre 7.801

35%

 

Tassazione sulle attività d’impresa: le aziende registrate o residenti a Malta sono soggette all'imposta sul reddito imponibile complessivamente del 35%.

Tuttavia è significativo notare che Malta ha adottato il sistema di imputazione integrale in base al quale i dividendi versati da una società di Malta non attirano alcuna ulteriore tassa in quanto portano un credito d'imposta pari all'imposta pagata dalla società al momento della distribuzione degli utili. Ciò significa che un azionista ha il diritto di chiedere un rimborso che può essere equivalente ai 2/3, 5/7, 6/7 a seconda che i dividendi ricevuti, su cui è stata pagata l’imposta anticipata, derivino o meno da interessi passivi o royalties e che la società rivendichi o meno forme di facilitazioni fiscali sulla doppia imposizione.

Le fondazioni sottostanno alle stesse normative applicate a società residenti ordinariamente e domiciliate a Malta. Pertanto, le norme relative alla tassazione delle imprese si applicano allo stesso modo alle fondazioni. Le associazioni sono tassate ad aliquote marginali che vanno dal 15% al 35%.

 

“Business Atlas 2016: guida agli affari in 55 mercati per il business italiano” a cura delle Camere di Commercio italiane all’estero.
Ultimo aggiornamento: 20/07/2016^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché MALTA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia