Aspetti Normativi (FINLANDIA)

ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI

Regolamentazione degli scambi

 

Sdoganamento e documenti di importazione: per i prodotti importati dall’Unione Europea l’unico documento richiesto è il documento amministrativo unico (DAU).

 

Classificazione doganale delle merci: nomenclatura combinata (CN).

 

Restrizione delle importazioni: l'importazione di piante, integratori alimentari, prodotti alimentari e semi è soggetta a restrizioni[1]. L'importazione di beni derivati ​​da animali in via di estinzione e piante può essere vietata o essere soggetta a una licenza. Le licenze sono concesse dall'Istituto finlandese per l'ambiente SYKE.

L'importazione di armi da fuoco, componenti di armi e munizioni è soggetta a restrizioni.

I titoli di importazione sono concessi dalla Polizia. L'importazione dei precursori di esplosivi richiede una licenza. Importazione di puntatori laser è vietata, a meno che il prodotto soddisfi i criteri della STUK. L'importazione di imbarcazioni da diporto e imbarcazioni marine è soggetta a restrizioni. Restrizioni anche per l'importazione di alcuni dispositivi radio e telecomunicazioni.

 

Importazioni temporanee[2]: allo stesso modo degli altri Paesi UE, l´importazione temporanea (TI) viene ammessa per l´importazione di beni - per periodi limitati e scopi ben precisi - quali campioni, materiale professionale o oggetti per fini d'asta, di esposizione o di dimostrazione. A condizione che questi beni non siano in alcun modo modificati durante la loro permanenza all'interno dell'area UE, non avviene la soggezione a imposizione fiscale IVA o altre imposte.

Se le merci vengono importate per essere processate o riparate, l´esenzione  può essere possibile sotto Inward Processing Relief (IPR). Merci che sono temporaneamente importate da Paesi specifici possono anche beneficiare di esenzione se viene utilizzato un carnet ATA. L'utilizzo di un  Carnet ATA sostituisce i documenti doganali normali, che altrimenti sarebbero richiesti per l´importazione o esportazione.

L'ammissione temporanea di esenzione totale o parziale dai dazi all'importazione può essere concessa per le merci provenienti da Paesi extra EU che vengono importate nell'UE da utilizzare per una durata stabilita per finalità previste dalla legge. Al termine del periodo concesso per l´importazione temporanea, la merce deve essere ri-esportata dalla Finlandia nelle stesse condizioni in cui si trovava al momento dell´importazione.

L'importazione temporanea con esenzione totale dai dazi all'importazione può essere concessa secondo alcune condizioni previste dalla legge. In questi casi, i dazi doganali o sul valore aggiunto non sono imposti sui prodotti.

Se le condizioni di ammissione temporanea per l´esenzione totale dai dazi all'importazione non sono pienamente soddisfatte, può  essere concesso l´esonero parziale dai dazi all'importazione. In questi casi, i dazi doganali sono riscossi solo in parte a seconda della durata della procedura. Tuttavia, l'imposta sul valore aggiunto è riscossa in toto. Questa disposizione può riguardare, ad esempio, il caso di un escavatore costoso che viene utilizzato per un progetto specifico.

L'autorizzazione per il regime di ammissione temporanea deve essere richiesta prima dell'inizio di ammissione temporanea presso il Custom Authorization Center Form No. 601. Il modulo deve essere inviato via e-mail a lupakeskus@tulli.fi o per posta a Tullin lupakeskus, PO Box 56, 90401 Oulu. La persona che firma la domanda deve avere poteri di procura da parte della società richiedente. Nella maggior parte dei casi, l'ammissione temporanea può essere concessa con un'applicazione semplificata di autorizzazione.

 

Attività di investimento e insediamenti produttivi nel paese

Normativa per gli investimenti stranieri

Successivamente a una brusca contrazione causata dalla crisi finanziaria internazionale e della zona euro, gli investimenti diretti esteri (IDE) in Finlandia hanno recuperato negli ultimi anni. Nonostante il clima di incertezza economica globale e, in particolare, la crisi in Ucraina insieme alle sanzioni imposte alla Russia, gli afflussi di IDE hanno registrato una forte performance nel 2014, con gli stock di IDE rifornito a livelli più alti rispetto a prima della crisi.

I punti di forza del Paese sono la sua forza lavoro altamente istruita, una economia fortemente innovativa, un´ottima reputazione per la stabilità economica e l’assenza di corruzione, la competitività, la posizione strategica al centro di una zona dinamica formata da Russia, Scandinavia e Paesi baltici, l’ orientamento verso l'alta tecnologia, ricerca e sviluppo.

La libertà di stabilimento è garantita in Finlandia così come l´acquisizione di holdings.

Determinate acquisizioni che coinvolgano grandi aziende finlandesi necessitano valutazione e approvazione da parte del Ministero del Lavoro e dell'Economia in conformità con la legge sul controllo delle acquisizioni estere di società finlandesi. Lo scopo della procedura è quello di proteggere gli interessi nazionali.

Nonostante la Finlandia sia nota per essere un´economia aperta, avulsa da discriminazioni nei confronti di operatori stranieri, talvolta l´accesso al mercato può essere reso difficile agli stranieri, a seconda dei settori e delle dinamiche del mercato. Al fine di accedere al mercato della distribuzione al dettaglio è essenziale passare attraverso la rete di distribuzione domestica.

 

Legislazione societaria

                        In Finlandia l’attività di impresa si può esercitare tramite le seguenti forme: Impresa Individuale (yskityinen elinkeinoharjoittaja), Società Semplice (Avoin Yhtiö - AY), Società in Accomandita (Kommandiittiyhtiö - KY) e Società per Azioni (Osakeyhtiö - OY). Sono anche presenti forme cooperative tramite l’istituto della Osuuskunta.  Infine, esiste una tipologia di società per azioni di tipo pubblico (Julkinen Osakeyhtiö – OYJ ), le cui azioni sono quotate in borsa.

L’impresa individuale rappresenta il modo più essenziale e semplice per la gestione di attività economiche tramite coinvolgimento personale e diretto dell’imprenditore individuale, che è sempre personalmente e illimitatamente responsabile per l’impresa, senza che vi sia il beneficio della previa escussione dei beni imprenditoriali.

                   La Società Semplice si basa su di un accordo contrattuale, accordo che teoricamente può anche essere orale, essendo stipulato fra almeno due o più soggetti che conferiscono un apporto di capitale, beni o attività lavorativa per la gestione di attività di impresa. Ogni socio è personalmente e illimitatamente responsabile per le obbligazioni della società verso terzi ma con il beneficio della previa escussione dei beni societari. A meno che il contratto associativo non provveda diversamente, l’amministrazione della società spetta disgiuntamente a ciascun socio, che può agire per nome e conto della società. Il socio non può cedere le proprie partecipazioni societarie senza il consenso degli altri soci o contrariamente alle disposizioni del contratto societario.

                   La Società in Accomandita si basa sulla nota distinzione fra soci accomandanti e soci accomandatari. Mentre i primi conferiscono apporti monetari e sono soggetti al rischio limitatamente per tale apporto, i secondi che agiscono in nome e per conto della società quali amministratori disgiunti, possono conferire anche beni e lavoro e sono illimitatamente responsabili per le obbligazioni della società con il beneficio della previa escussione dei beni societari. 

In breve, l’Impresa Individuale, la Società Semplice e la Società in Accomandita non si prestano ad attività imprenditoriali di una certa consistenza che prevedano un consistente investimento e rischio di impresa. Ciò in quanto in modi diversi queste tipologie societarie non prevedono un diaframma pieno e completo fra società e soci. Inoltre, l’organizzazione interna della Società Semplice e Società in Accomandita, male si concilia con la necessità di agilità organizzativa fra soci. Per questi motivi, la forma di gran lunga più utilizzata sia da operatori finlandesi che da soggetti stranieri è quella della Società per Azioni (Osakeyhtiö, di seguito anche OY). La parola “Società per Azioni” non deve trarre in inganno l’operatore italiano; difatti, come si evidenzierà di seguito, per struttura e dimensioni del capitale minimo detta forma di società è ben più vicina alla nostra SRL che alla SpA italiana. Differenza sostanziale con la SRL è il fatto che il capitale sociale della Oy non si compone di quote ma di azioni.

La OY è una società di capitali ove il capitale sociale è diviso in azioni che la legge attualmente in vigore presuppone senza valore nominale e con capitale sociale minimo di 2.500 euro. Le azioni possono essere nominative o al portatore e sono liberamente trasferibili. Non esiste necessità di provvedere a rogiti notarili o a particolari autorizzazioni (salvo per specifiche attività). Le modalità semplificate di registrazione consentono con un solo atto la registrazione presso il Registro delle Imprese, e i vari registri fiscali. Ogni socio fondatore dovrà sottoscrivere l’atto costitutivo e procedere con la sottoscrizione delle azioni, che dovranno essere interamente versate. In Finlandia la società per azioni può avere un solo socio, sia persona fisica che giuridica. In caso di pluralità di soci, sarà consigliabile stipulare un patto parasociale che assicuri la regolare pacifica convivenza societaria attorno a un nucleo ben definito di aspetti sostanziali quali funzioni dei soci, diritto ai dividendi, doveri di apporti e versamenti, diritto di amministrazione, diritto di controllo, soluzione di situazioni di blocco, diritti di riscatto e prelazione, contenziosi e altro.

L’amministrazione della OY è affidata a un organo di gestione collegiale (3-5 consiglieri di amministrazione), ma è possibile avere la forma ridotta, che, nella articolazione minima prevede un amministratore unico e un amministratore supplente. Non esiste in Finlandia il così detto, “corporate director” essendo consentito solamente alle persone fisiche di agire quali amministratori.

Il controllo sulla OY viene affidato ai revisori dei conti, secondo quanto previsto della legge sulla revisione contabile (Tilintarkastuslaki). Tuttavia, la legge prevede dei casi in cui la società sia esentata dall’obbligo della tenuta dei revisori.

La OYJ, rappresenta quelle società per azioni quotate in borsa. Essa deve avere un capitale sociale minimo di 80.000 euro, che si deve sottoscrivere e versare interamente prima della registrazione.

I proventi ottenuti da un imprenditore o lavoratore autonomo su una attività di business sono soggetti a tassazione come il suo reddito personale. Nel caso di società di persone, sono divisi e soggetti a tassazione come reddito personale per i soci. Una società a responsabilità limitata è tenuta a pagare le tasse in modo indipendente da quello dei soci. Il suo reddito è soggetto a imposta come reddito per la società a responsabilità limitata. Una cooperativa è soggetta a imposta in modo simile a una società a responsabilità limitata.

Due profili fiscali interessano direttamente le imprese, la tassazione sui redditi di impresa e la tassazione sui dividendi, rispettivamente. In aggiunta a questi due, va anche menzionata la tassa sui redditi da capitale.

 

Brevetti e proprietà intellettuale:

La normativa finlandese non si discosta dal contesto normativo in Europa. In Finlandia, il sistema della proprietà intellettuale è regolato dalla legge sui brevetti. L’ordinamento riconosce e accorda una protezione intensa contro le violazioni della proprietà intellettuale.

 

Sistema fiscale: Tassazione progressiva sui redditi.

 

Anno fiscale: dal 1 gennaio al 31 dicembre.

 

Imposta sui redditi delle persone fisiche[3]

Imposta statale

6-31%

Imposta Municipale

18-26%

Imposta per gli enti religiosi

1-2%

 

 

Tassazione sulle attività di impresa[4]:

Imposta sul valore aggiunto (VAT): 24%, 14% (Beni alimentari e ristoranti), 10% (prodotti farmaceutici, trasporti pubblici, giornali e periodici, eventi culturali, licenze televisive, scrittori e compositori, alloggi alberghieri, eventi sportivi).

 

 


[1] Maggiori informazioni possono essere ottenute dall´'Autorità Evira per la sicurezza dell´alimentazione.

[2] Fonte: Tulli – Ente Doganale finlandese

 

[3] Fonte: Verotoimisto

[4] Fonte: Verotoimisto

 

“Business Atlas 2018: guida agli affari in 55 mercati per il business italiano” a cura delle Camere di Commercio italiane all’estero.
Ultimo aggiornamento: 01/08/2018^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché FINLANDIA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in FINLANDIA

AMBASCIATA HELSINKI