Aspetti Normativi (MESSICO)

ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI

Regolamentazione degli scambi

Sdoganamento e documenti di importazione: per le merci provenienti dall’Italia, oltre alla documentazione tradizionale, è necessario il Modello EUR1 che permette di usufruire dei benefici del Trattato di Libero Scambio Messico-UE (in vigore dal 1.07.2000).

Classificazione doganale delle merci: sistema armonizzato.

Restrizione alle importazioni: nel settore agroalimentare previste per latte e alcuni formaggi, alcune carni e insaccati, etc., tuttavia, secondo quanto deciso dal Ministero dell’Agricoltura (SAGARPA), dal 2005 il prosciutto crudo italiano può essere esportato nel Paese dalle imprese che già godono di autorizzazione. Per il trattato di libero commercio intercorso tra Messico ed Europa anche caffè e cacao sono esenti da dazi.

Importazioni temporanee: consentite solo in caso di partecipazione a fiere internazionali per fini espositivi. La fattura proforma deve essere intestata all’ente organizzatore.

Attività di investimento ed insediamenti produttivi nel Paese

Normativa per gli investimenti stranieri: regolati dalla Ley de Inversión extranjera del 27.12.1993 nella quale si equipara, per la prima volta, l’investimento straniero a quello locale. Alcuni settori sono, tuttavia, di esclusiva competenza statale (petrolio e derivati, petrolchimico, elettricità ed energia, telecomunicazioni).

Legislazione societaria: in base alla Ley General de Sociedades Mercantiles, un’impresa straniera può legalmente operare in Messico attraverso una succursale. Tutte le funzioni svolte in Messico dalla succursale saranno realizzate in nome e per conto della ditta straniera. Da varie disposizioni legali messicane, si desume anche la possibilità della creazione di uffici di rappresentanza. Per questi, la legge prevede norme specifiche solo nel caso di attività bancarie, finanziarie e assicurative, in base alle quali un istituto finanziario estero può stabilire in Messico un ufficio di rappresentanza per fini di promozione delle sue attività commerciali. Le succursali e gli uffici di rappresentanza dovranno richiedere un’autorizzazione alla Commissione Nazionale degli Investimenti Esteri e presentare copia dello statuto della società italiana, copia dell’ultimo bilancio e la procura della persona che rappresenta la società in Messico.

L’iscrizione nel Registro Pubblico del Commercio e nel Registro Nazionale degli Investimenti Esteri è una condizione essenziale per i soggetti che intendano operare nel Paese.

 

Brevetti e proprietà intellettuale

Ente competente alla registrazione è l’Instituto Mexicano de la Propriedad Industrial. Il Messico aderisce alla Convenzione Internazionale di Ginevra.

 

Sistema fiscale

Anno fiscale: 1 Gennaio – 31 Dicembre.

 

Imposta sui redditi delle persone fisiche (ISR)

Reddito (MXN)

QUOTA FISSA

Valore d’Imposta DA APPLICARE SULLA PARTE ECCEDENTE IL LIMITE INFERIORE (%)

0,01 - 5 952.84

0

1.92

5 952.85 – 50 524.92

114.29

6.40

50 524.93 - 88 793.04

2 966.91

10.88

88 793.05 - 103 218.00

7 130.48

16.00

103 218.01 - 123 580.20

9 438.47

17.92

123 580.21 – 249 243.48

13 087.37

21.36

249 243.49 – 392 841.96

39 929.05

23.52

392 841.97 – 750 000.00

73 703.41

30.00

750 000.01 – 1 000 000.00

180 850.82

32.00

1 000 000.01 – 3 000 000.00

260 850.81

34.00

3 000 000.

940 850.01

35.00

 

Tassazione sulle attività di impresa: 30%.

Imposta sul valore aggiunto (VAT): 16%.

 

“Business Atlas 2017: guida agli affari in 55 mercati per il business italiano” a cura delle Camere di Commercio italiane all’estero.
Ultimo aggiornamento: 24/11/2017^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché MESSICO Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia