Aspetti Normativi (COSTA RICA)

ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI 

 

Regolamentazione degli scambi

Sdoganamento e documenti di importazione: i dazi applicati alla merce importata sono suddivisi in tre categorie: partite doganali su importazioni proibite (sangue, ruote usate, e materiale bellico); partite doganali su importazioni ristrette che richiedono permessi speciali (animali, prodotti vegetali, articoli ad uso medico, prodotti alimentari); partite doganali con diritto ad valorem, che rappresentano la  maggioranza. Per importare è importante rivolgersi ad un agente doganale o direttamente alla Dogana Centrale. Sul sito del Ministero delle Finanze (www.hacienda.go.cr) e' disponibile l'elenco completo delle aliquote doganali in uso.

Oltre al dazio doganale, viene applicata su tutte le importazioni l’IVA, attualmente al 13% ed una sovrattassa dell’1%, come stabilito dalla legge 6946. Inoltre, su alcuni prodotti di lusso quali gioielli, bevande alcoliche, armi, ecc, viene applicata un’ulteriore imposta (Impuesto Selectivo de Consumo) a tasso variabile. Le pratiche di importazione per prodotti di valore superiore a USD 100 devono essere effettuate, obbligatoriamente, tramite l'agente doganale.

La documentazione richiesta è la seguente:

Fattura commerciale originale, salvo i casi di eccezione debitamente regolamentata.
Certificato di origine della merce, emesso dell’Autorità competente.
Polizza di carico
Una copia o fotocopia della dichiarazione del valore doganale o del documento di uscita della merce emesso dall’Autorità competente.

È consigliabile che l’importatore costaricense riceva la documentazione prima dell’effettivo arrivo della merce e cio' al fine di velocizzare lo documenti di sdoganamento della stessa ed il rilascio degli eventuali permessi richiesti. Le merci devono comunque arrivare in dogana entro 90 giorni dalla data indicata in fattura, in caso contrario è necessario emetterne una nuova.

La forma di pagamento più comune e consigliata è quella dell’apertura di una lettera di credito irrevocabile e confermata, negoziabile su presentazione dei documenti di spedizione. Per la fornitura di beni industriali con pagamento tramite lettera di credito, le banche locali possono disporre aperture di credito con validità fino a 180 giorni.

 

Restrizioni alle importazioni: alcuni prodotti richiedono permessi di importazione, rilasciati ad esempio dal Ministero dell’Agricoltura e dell’Allevamento (www.mag.go.cr) e dal Ministero della Sanità (www.ministeriodesalud.go.cr). È vietata l’importazione delle merci non conformi ad accordi internazionali (ad es. articoli che contengano sostanze che possano danneggiare l’ozono o il cui divieto nasca da specifiche disposizioni di legge).

 

Importazioni temporanee: le merci dovranno essere riesportate o importate definitivamente senza alcuna modifica o trasformazione, entro un anno dal loro ingresso nel Paese.  Le merci dovranno essere identificate mediante mezzi idonei, quali sigilli, marche, numeri, cataloghi, fotografie, dimensioni o indicazioni di carattere permanente sulla merce, o mediante campionatura. Se la merce non risultasse esattamente conforme a quanto dichiarato sara' oggetto di puntuali controlli da parte dell'Autorita' doganale.

 

Attività d’investimento ed insediamenti produttivi nel paese

Normativa per gli investimenti stranieri: non prevista una legge specifica che regoli l’investimento straniero diretto. Tanto l’investitore locale che quello straniero godono degli stessi diritti e degli stessi livelli di protezione. L’ente incaricato di promuovere gli investimenti è CINDE (Coalición Costarricense de Iniciativas de Desarrollo). In alcuni settori (zone franche, turismo) sono previsti degli incentivi: il dettaglio delle agevolazioni e’ fruibile al seguente link: https://www.cinde.org/en/incentives. Sono previste restrizioni all’investimento nei settori dati in concessione allo Stato, quali sfruttamento e distribuzione delle acque, sfruttamento di miniere, import, raffinazione e vendita di petrolio, idrocarburi ed energia elettrica e produzione e utilizzo di alcool etilico. In altri settori produttivi vengono invece privilegiate società costaricensi: trasporti, servizi medico-sanitari, pubblicità. Non sono, tuttavia, esclusi partenariati pubblico-privati. Non vi sono limiti nei movimenti di capitali.

 

 

Legislazione societaria:

Le forme societarie più comuni sono la Società per Azioni (Società Anonima) e a Responsabilità Limitata. La costituzione di qualsiasi società commerciale viene effettuata attraverso atto pubblico notarile. L’atto costitutivo deve contenere alcune informazioni obbligatorie tra cui la nazionalità dei soci, i poteri degli amministratori, il domicilio della società in territorio costaricense e il nominativo del rappresentante legale della società. La società acquista personalità giuridica e legale solo ad avvenuta iscrizione nel Registro delle Imprese (Registro Mercantil) e solo dopo essere stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale. Identico procedimento (atto pubblico, pubblicazione, iscrizione) viene richiesto per qualsiasi modifica dell’atto costitutivo e/o della struttura societaria.

 

Brevetti e proprietà intellettuale:

Diritti d’autore (Legge 7979/2000 riformata dalla legge 8834/2010); diritti sui Marchi e altri segni distintivi (Legge 7978/1999, riformata dalla Legge 8020/2000); diritti sui brevetti di invenzioni, disegni e modelli industriali (6867/1983 e riformata dalla Legge 8039/2010). A seguito del Trattato di Libero Commercio con gli USA, la Costa Rica ha depenalizzato la violazione del copyright, a partire da giugno 2012 con la legge n. 17.342/2010, che riforma vari articoli della legge originale.

 

Sistema fiscale

Anno fiscale: dal 1º ottobre  al 30 settembre. Al seguente link sono riportate la tassazione per fasce di reddito applicata per l'anno 2019: https://www.hacienda.go.cr/docs/5c92816d8817f_tabla%20renta%20v2.pdf 

 Imposta sulle vendite: 13% (che dal 1° luglio si trasformerà in Imposta sul Valore Aggiunto)

La recente riforma fiscale ha trasformato tale imposta in Imposta sul Valore Aggiunto, la quale entrerá in vigore a partire dal 1 luglio 2019. La nuova legge prevede l'applicazione dell'IVA del 13% a prodotti e servizi prima esclusi.

 

 

“Business Atlas 2018: guida agli affari in 55 mercati per il business italiano” a cura delle Camere di Commercio italiane all’estero.
Ultimo aggiornamento: 24/05/2019^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché COSTA RICA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in COSTA RICA

AMBASCIATA SAN JOSE' DE COSTARICA