Aspetti Normativi (QATAR)

 

ASPETTI NORMATIVI E LEGISLATIVI 

Regolamentazione degli scambi: l’importazione di merci nel Paese è consentita per operatori iscritti presso il registro apposito, previa approvazione della Camera di Commercio del Qatar. Gli importatori individuali devono avere nazionalità qatarina mentre le aziende devono essere interamente di proprietà di cittadini locali. Non essendo, quindi, le agenzie di import/export autorizzate a svolgere attività nel Paese per conto proprio, il consiglio è di appoggiarsi a imprese qatarine che poi li commercializzeranno a livello locale. Sono applicate le seguenti aliquote doganali: articoli generali 5%, barre in acciaio 20%, tabacco 100%.

Restrizioni alle importazioni: vietata l’importazione di alcolici o alimenti derivanti dal maiale.

 

Attività di investimento e insediamenti produttivi nel Paese

Normativa per gli investimenti stranieri: la L.13/2000 ha aperto il mercato agli investimenti esteri diretti. Con l’eccezione di alcuni settori protetti, gli stranieri possono compiere investimenti in tutti i settori economici e produttivi con il solo limite di dover avere uno o più partner qatarini e, al contempo, di non poter possedere più del 49% del capitale destinato all’impresa commerciale. In altre parole, salvo circostanze eccezionali, in una qualsiasi società di capitali fra stranieri e qatarini, il socio locale deterrà almeno il 51% delle azioni.
Legislazione societaria: previste varie forme societarie, alcune delle quali poco utilizzate e di cui, in molte circostanze, non è consentita la formazione da parte di stranieri. A questi ultimi è permesso adottare le seguenti forme di investimento: le Limited Liabilities Companies, le filiali e gli uffici di rappresentanza.

 

Brevetti e proprietà intellettuale

I vari aspetti connessi ai diritti di proprietà intellettuale ed industriale sono gestiti dal Ministero dell’Economia e del Commercio. Il Qatar aderisce al sistema comune GCC sulla registrazione; l’ufficio brevetti si trova a Riyadh, Arabia Saudita. Anche la procedura di deposito di un marchio viene svolta presso il Ministero dell’Economia e il costo si aggira su €700 e richiede un periodo di completamento di 8/10 mesi.

 

Sistema fiscale[1]

Con la L.21/ 2009 il Qatar ha profondamente riformato il suo sistema di imposizione fiscale: è stata introdotta un’aliquota unica del 10% senza alcuna “no tax area”. La legge non definisce i soggetti obbligati a pagare le imposte, ma i redditi esenti: i profitti generati da persone fisiche o giuridiche qatarine; i dividendi distribuiti a soci di società qatarine quando la società abbia già pagato le imposte sui profitti, capital gains derivanti dalla vendita di immobili, azioni; redditi derivanti da attività agricole/pesca. Ogni altra entità giuridica e/o individuo che percepisca un reddito in Qatar sarà responsabile fiscalmente a eccezione dei lavoratori salariati.

 

Anno fiscale: 1 aprile -  31 maggio.

 

Imposta sul valore aggiunto: non prevista

 


[1] Fonte: Qatar National Bank – Economic Review

 

“Business Atlas 2019: guida agli affari in 55 mercati per il business italiano” a cura delle Camere di Commercio italiane all’estero.
Ultimo aggiornamento: 19/10/2019^Top^
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché QATAR Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in QATAR

AMBASCIATA DOHA