Accordi economico-commerciali con l'Italia (TERRITORI PALESTINESI)

AnnoAccordo / Descrizione
2012 Joint Declaration on the Bilateral Economic and Commercial Cooperation
La dichiarazione "Joint Declaration on the Bilateral Economic and Commercial Cooperation", firmata in occasione della "Palestine Country Presentation" svoltasi a Roma il 23 novembre 2012 costituisce il primo strumento finalizzato a rafforzare i rapporti economici e commerciali tra l'Italia e i Territori palestinesi. Essa precede una serie di strumenti miranti a raggiungere tale obbiettivo. Tra questi la costituzione di un "Joint Italian-Palestinian Business Council" quale strumento cardine per il rafforzamento dei legami bilaterali.
2011 Accordo tra Comunità Europea e PLO a beneficio della PA per un’ulteriore liberalizzazione dei prodotti agricoli
Accordo, nella forma di scambio di lettere, tra Comunità Europea e PLO a beneficio della PA per un’ulteriore liberalizzazione dei prodotti agricoli, i prodotti agricoli lavorati, pesce e prodotti della pesca e per l’emendamento dell’ Euro-Mediterranean Interim Association Agreement - 13.4.2011
2005 Accordo tra Comunità Europea e PLO a beneficio della PA per misure reciproche di liberalizzazione
Accordo, nella forma di scambio di lettere, tra Comunità Europea e PLO a beneficio della PA per misure reciproche di liberalizzazione e sostituzione dei Protocolli 1 e 2 del Euro-Mediterranean Interim Association Agreement – 5.1.2005
1997 Euro-Mediterranean Interim Association Agreement
Primo passo verso la liberalizzazione degli scambi tra UE e AP nei manufatti e nei prodotti agricoli.
Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché TERRITORI PALESTINESI Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia

Contatta la rete diplomatica in TERRITORI PALESTINESI