Accesso al credito - Osservazioni (MESSICO)

Il Governo messicano ha promosso, negli ultimi due decenni, un processo di maggiore apertura del sistema bancario nazionale. L'ingresso di gruppi bancari europei e nord americani ha migliorato la qualità dei servizi offerta alla clientela, aumentato i tassi di intermediazione bancaria nell'economia, elevato i livelli concorrenza tra gli operatori finanziari riconosciuti. I conglomerati industriali del paese hanno accesso a servizi bancari con costi e caratteristiche simili a quelli applicati nelle maggiori piazze finanziarie internazionali. I grandi gruppi industriali hanno una forte presenza nazionale ed internazionale e controllano spesso intermediari finanziari riconosciuti.

Il sistema bancario messicano è solido. La stabilità del quadro macroeconomico e l'autorevole ruolo di controllore svolto dalla Banca centrale hanno determinato livelli record di riserve di valuta internazionale. Il livello medio di capitalizzazione delle banche messicane è ben al di sopra non solo degli standard di "Basilea 2", ma anche di quelli di "Basilea 3" (capitale obbligatorio minimo del 10,5%), cui il Messico ha aderito e che è entrato in vigore con pieni effetti per il sistema bancario nazionale dal 1 gennaio 2013.

Da rilevare l'approvazione, a fine 2013, della legge di riforma finanziaria, preordinata a facilitare la concessione del credito e a rafforzare i meccanismi di vigilanza prudenziale. Il settore creditizio messicano infatti, ancorché presenti un tasso di capitalizzazione molto elevato (superiore al 15%), è ancora poco sviluppato, rappresentando solamente il 27,7% del PIL in termini di credito concesso al settore privato, tra i tassi più bassi dei paesi OCSE. In un contesto generale di difficile accesso al credito, la riforma finanziaria è dunque preordinata a semplificare alcune procedure, tutelare il diritto delle banche di recuperare i crediti, concedere tassi migliori per i prestiti alle imprese, volumi di capitale più ampi e limiti temporali più flessibili. La riforma prevede inoltre una maggiore flessibilità per la concessione del credito da parte delle banche di sviluppo, soprattutto a beneficio delle PMI (che ad oggi in Messico beneficiano solamente del 15% dei prestiti), e mira ad incentivare gli istituti bancari ad aumentare il loro coinvolgimento e la loro esposizione nello sviluppo del Paese, rinunciando – per quanto possibile – alla pratica consolidata dell’accumulo di capitale e dei prestiti a basso rischio. A tal fine, vengono anche rafforzati i poteri delle Autorità di regolamentazione e vigilanza (CONDUSEF - Commissione Nazionale per la Protezione e Difesa degli Utenti di Servizi Finanziari e CNBV - Commissione Nazionale Bancaria e di Valori), che potranno intervenire meglio per stimolare tali processi.

Ultimo aggiornamento: 08/04/2015^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato

 

Perché MESSICO Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia