Accesso al credito - Osservazioni (ANGOLA)

La significativa partecipazione del Governo e dell'elite politica del Paese nel sistema bancario angolano mantengono elevato il rischio di concessioni di credito inappropriate e di sofferenza sui rimborsi, considerata anche la debolezza dell'azione di controllo sul sistema stesso. Il sistema finanziario nel suo complesso è valutato estremamente vulnerabile dall'FMI, a causa della volatilità dei livelli di liquidità disponibili, fortemente dipendenti dall'andamento del mercato petrolifero. La normativa di recente introduzione che impone, entro 12 mesi dall'ottobre 2012, alle compagnie petrolifere l'obbligo di utilizzare le banche locali sembra essere finalizzata ad agevolare il credito alle imprese operanti sul territorio con l'obiettivo di promuovere lo sviluppo del sistema produttivo interno. Non è tuttavia ancora chiaro il concreto impatto che la sfida della gestione di somme così consistenti potrà avere sul sistema delle banche, ancora debole e relativamente sottodimensionato.

Il 28 gennaio scorso, il Banco Nacional de Angola (Comitato per la Politica Monetaria) ha ridotto il tasso di interesse di riferimento al 10%. Considerato il trend in discesa del tasso di inflazione, sono ritenuti possibili ulteriori ribassi finalizzati a stimolare gli investimenti. Nel corso del 2012, il finanziamento alle imprese è stato concesso ad un tasso medio del 16,8% (in discesa).

Ultimo aggiornamento: 17/04/2013^Top^

 

Scheda di Sintesi   Scheda di Sintesi in PDF   Rapporto in PDF   Stampa PDF personalizzato   Rapporto sul turismo in PDF

 

Perché ANGOLA Outlook politico Outlook economico Competitività e Business Environment Accesso al credito Rischi Rapporti con l'Italia Turismo Strumenti utili per le imprese Link utili

 

Tutti gli Highlights Tutti gli approfondimenti Tutte le attivita promozionali Tutte le opportunità d'affari

 

Ambasciata d'Italia